Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

DDL stabilitā: CNF, ancora troppe le previsioni che ostacolano l'accesso alla giustizia

cnf id10294
Il Consiglio Nazionale Forense, commentando il testo del maxiemendamento al ddl stabilitā esprime le sue perplessitā per il fatto che sarebbero state accolte solo alcune delle obiezioni mosse dagli avvocati. "Vi e' stato qualche opportuno ripensamento dell'ultima ora - spiega il CNF - su norme contro le quali il Consiglio e' insorto con immediatezza. In particolare, il Governo ha espunto dal testo definitivo l'anticipo dell'entrata in vigore della mediazione anche per le materie finora escluse (condominio e risarcimento danni da circolazione autoveicoli); e non ha inserito quella disposizione, contraria a ogni principio di civilta' giuridica, della motivazione lunga 'a pagamento'". Quello che non va, secondo il CNF, č che si mantengono ancora alcune previsioni "che ostacolano l'accesso alla giustizia da parte dei cittadini" Tra queste le norme "che dispongono l'aumento del contributo unificato per i processi di appello e Cassazione o che introducono la multa fino a 10.000 euro in caso di rigetto della istanza di sospensione dell'esecutivita' della sentenza di primo grado". Per quanto riguarda poi le previsioni in materia di societā tra professionisti, ci sono interventi peggiorativi, dato che si prevede la possibilitā che i soci di capitale possono essere anche di maggioranza. Questo rischia di far perdere autonomia e indipendenza ai professionisti che rischiano di cedere di fronte alla maggiore forza del grande capitale.
Altre informazioni su questo argomento
(12/11/2011 - N.R.)
In evidenza oggi:
» Parcheggiare male č reato?
» Giustizia penale: approvata la riforma delle impugnazioni
» Bonus avvocati 2018: domande entro il 10 febbraio
» Mantenimento: verso l'addio al tenore di vita anche per il coniuge separato
» Calcola il codice fiscale online


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss