Il Dipartimento per gli Affari di giustizia chiarisce in quali casi gli avvocati che prestano attività per la PA devono presentare il Durc
uomo guarda in alto confuso

Regolarità contributiva per gli avvocati che operano per la PA?

[Torna su]

Il Dipartimento per gli Affari di giustizia con la nota n. 0230458 del 17 novembre 2021 (sotto allegata), inviata al Comitato degli avvocati, alla segreteria della ministra in carica Cartabia e al capo dipartimento per gli Affari di Giustizia fornisce chiarimenti in materia di regolarità contributiva degli avvocati che devono ricevere compensi dalla Pubblica Amministrazione.

Nel documento si chiarisce che il quesito è stato avanzato dal Comitato degli Avvocati, che ha richiesto delucidazioni in relazione alla necessità o meno da parte degli avvocati che prestano la loro attività in favore della Pubblica Amministrazione, di essere in regola con i contributi, come richiesto dall'art. 80 del Codice degli Appalti di cui al dlgs n. 50/2016 al fine di percepire il compenso per l'attività svolta.

Durc solo se l'avvocato si avvale di dipendenti

[Torna su]

Il Dipartimento al riguardo chiarisce, richiamando un documento precedente, che la regolarità contributiva deve essere accertata con il Durc quando il legale, nello svolgimento della sua attività professionale, si avvale di personale dipendente.

L'ente pubblico deve tenere conto di questo quando deve provvedere al pagamento della prestazione resa da avvocati o professionisti lavoratori autonomi che non sono iscritti obbligatoriamente a INPS e INAIL.

Cassa Forense: certificazione di regolarità contributiva

[Torna su]

Nella nota si precisa che la regola suddetta non riguarda l'avvocato che opera da solo. In questo caso, per la natura dei contributi che il legale deve versare alla Cassa Forense, ma anche per i meccanismi di funzionamento di questo istituto previdenziale, lo stesso non è abilitato e non può ovviamente rilasciare un documento in possesso della stessa validità ed efficacia del Durc.

La Cassa può rilasciare solo una certificazione di regolarità contributiva con un contenuto analogo al Durc. Il Durc infatti contiene dati che l'avvocato non può autocertificare.

Scarica pdf Nota Dip. Giustizia 17.11.21
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: