Le scuole hanno creato gli "anticorpi" contro l'emergenza attuando la Didattica a Distanza (DAD) pagando il prezzo più alto sul piano sociale
alunna preoccupata con davanti testo di scuola

Diritto all'istruzione ai tempi del Covid-19

[Torna su]

Le norme di contenimento della diffusione del Covid-19 hanno colpito duramente molti settori economici, ma sul piano sociale il prezzo più alto lo stanno pagando alcuni diritti fondamentali della persona, che costituiscono i pilastri su cui si fonda ogni democrazia: istruzione, sanità, welfare.

La Costituzione italiana tutela e promuove l'istruzione, stabilendo che: "L'arte e la scienza sono libere e libero ne è l'insegnamento" (art. 33); "La scuola è aperta a tutti. L'istruzione inferiore … è obbligatoria e gratuita" (art. 34).

Il diritto all'istruzione è dunque garantito a tutti, a prescindere dallo status sociale del singolo individuo, ed è attuato attraverso la previsione della gratuità della scuola, del libero accesso ad essa e della libertà di insegnamento, ma la pandemia provocata dal Covid-19 rischia di vanificare per molti studenti e famiglie questo primario diritto.

Dal 5 marzo 2020, in virtù delle disposizioni emergenziali di contenimento del coronavirus, gli studenti di tutta l'Italia hanno smesso, dall'oggi al domani, di sedersi sui banchi di scuola per posizionarsi davanti a un computer a fare lezione con modalità per lo più da remoto e, comunque, in forma digitale.

La scuola, messa in lockdown prima di ogni altro comparto per proteggere la salute pubblica, ha lasciato le mura dei propri edifici per entrare nelle case di ogni studente e questo, a prima vista, potrebbe sembrare un segnale positivo verso la modernizzazione dell'istruzione del nostro paese, ma a ben vedere, al di là delle buone intenzioni delle istituzioni, la possibilità per gli studenti di continuare a studiare si è rivelata "teorica" e ha finito col gravare sulle famiglie e, nella maggior parte dei casi, sulle donne.

Infatti, dall'inizio del lockdown stiamo assistendo ad un aumento nel paese delle disuguaglianze economiche, sociali e culturali, e la digitalizzazione dell'istruzione ha amplificato tali disuguaglianze a danno dei bambini e dei ragazzi, che rappresentano la speranza e il futuro del paese, in quanto ha reso diversi tra loro gli studenti, con buona pace del principio di uguaglianza e del diritto all'istruzione sanciti dalla Carta costituzionale.

La sfida dell'inclusione: gli studenti disabili, non italofoni o migranti

Gli educandi con bisogni speciali hanno subito maggiormente gli effetti della chiusura delle scuole, con il venir meno dell'assistenza personale, degli strumenti didattici adeguati ai loro bisogni e la sparizione delle occasioni di socialità con i loro pari.

Secondo i risultati del Questionario Dad e inclusione scolastica alunni con disabilità, rivolto ai docenti e realizzato dal 7/4 al 15/04/2020 dall'Università di Bolzano, l'Università Lumsa, l'Università di Trento e Fondazione Agnelli, la didattica online si è rivelata inefficace per il 26,2% degli studenti con disabilità, mentre non era nemmeno ipotizzabile nel 10,3% dei casi. Inoltre, l'assistenza ai propri figli è ricaduta in gran parte sulle spalle delle famiglie, che devono sobbarcarsi anche ulteriori impatti negativi che questa chiusura ha avuto sui loro ragazzi, come la perdita di autonomia o disturbi comportamentali.

Anche per i ragazzi non italofoni o con una storia di immigrazione la didattica a distanza presenta serie problematiche. Da una parte, i ragazzi delle famiglie più povere hanno difficoltà nell'accesso ai dispositivi necessari alla didattica a distanza, come sottolineato poco sopra. Dall'altra, qualora l'accesso fosse garantito, si pone il problema della reale efficacia di questo strumento didattico, con lezioni frontali in remoto che si svolgono principalmente in italiano, e le mancate occasioni di socialità necessarie per il sereno sviluppo del ragazzo e la sua integrazione.

Come conciliare il diritto all'istruzione con la didattica a distanza

Molte famiglie non dispongono di un numero di computer tale da consentire a tutti i figli in età scolare di seguire le lezioni da remoto, e un numero non irrilevante di esse non dispone neppure di un computer e di una connessione dati che possa supportare le lezioni virtuali; molti ragazzi per timidezza personale o per vergogna del proprio ambiente familiare non attivano la telecamera per non essere visti; molti studenti non hanno un familiare in grado di seguirli nelle lezioni e i compiti loro assegnati rischiano di non essere mai svolti (e ciò vale soprattutto per i ragazzi che hanno difficoltà di apprendimento).

La lista delle problematiche legate agli ambienti socio-economico familiari in cui vivono gli studenti che impediscono, di fatto, il loro concreto accesso all'istruzione svolta in forma digitale potrebbe andare avanti, ma le conseguenze di ciò non si fermano soltanto a tali aspetti, perché coinvolgono anche la capacità relazionale dei più giovani e lo stimolo ad uscire dall'ambiente familiare che, venendo preclusi, ingenerano nel tempo un disagio psicologico, che può essere avvertito solo attraverso l'attenzione e l'ascolto che si attua con la presenza in classe degli studenti e non attraverso lezioni in videoconferenza.

Del resto, i dati del Ministero dell'Istruzione sono allarmanti e sconfortanti, in quanto si è stimato che un milione e mezzo di studenti sono "tagliati fuori dal digital divide", e a questa situazione si aggiungono le notevoli difficoltà dei genitori nel dover lasciare i figli piccoli a casa, per tornare al lavoro, in assenza di un sistema di welfare che possa aiutarli dal punto di vista economico a sostenere le spese a ciò necessarie.

Le disposizioni varate dal governo, nel tentativo di arginare la disuguaglianza provocata dalla didattica a distanza, hanno previsto lo stanziamento di 80 milioni di euro per l'acquisto di pc e tablet nelle scuole del primo ciclo. Inoltre è stato avviato un nuovo monitoraggio sull'andamento della didattica a distanza avente lo scopo, in particolare, di rilevare le necessità attuali di device e connessioni.

Tutto questo nell'ottica di consentire il rientro degli studenti nelle aule scolastiche, peraltro con modalità che dovranno consentire la distanza di sicurezza interpersonale e, quindi, con classi che nelle intenzioni del Ministero dell'Istruzione dovranno essere divise in due.

Sebbene sia auspicabile la riapertura delle scuole, qualsivoglia piano di sicurezza verrà adottato dalle istituzioni non potrà, in ogni caso, prescindere da una revisione dell'edilizia scolastica, dotando questo fondamentale comparto di adeguate risorse umane ed economiche.

Come ha recentemente affermato il Presidente della Repubblica la scuola è "un esercizio di libertà", ma è bene ricordare che spetta alle istituzioni garantirne l'effettiva attuazione e a tutti i cittadini essere sentinelle della tutela del diritto all'istruzione.


Dott.ssa Giada Pignatale

Titoli di studio: Laurea Magistrale in Giurisprudenza presso l'università degli Studi di Bari "Aldo Moro" con votazione 110/110 con lode e plauso accademico. Praticante avvocato presso l'Ufficio Legale della sede INPS di Taranto. Master di II Livello in "Strategie di innovazione e di organizzazione nella P.A. Già autrice di articoli per la rivista giuridica Diritto.it.

Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: