Entro questo termine sarà possibile la stabilizzazione dei contratti in essere per l'esonero totale dal versamento dei contributi previdenziali previsto dal decreto Agosto
Moneta da un euro tenuta in mano

Conto alla rovescia per il bonus assunzioni 2020

[Torna su]

E' cominciato il conto alla rovescia per il cosiddetto "Bonus assunzioni 2020" che riguarda imprese e studi professionali. Scadrà il prossimo 31 dicembre il termine concesso a imprese e studi professionali per effettuare nuove assunzioni stabili o per procedere alla stabilizzazione dei contratti in essere al fine di fruire dell'esonero totale dal versamento dei contributi previdenziali previsto dal decreto Agosto. Toccherà ai datori di lavoro, dopo aver effettuato l'assunzione (o la trasformazione del rapporto precario), devono inviare domanda di ammissione all'esonero all'Inps.

Bonus assunzioni 2020, a quali datori di lavoro è indirizzato?

[Torna su]

Vi potranno accedere tutti i datori di lavoro privati (così l'Inps, anche se la norma non circoscrive l'ambito ai soli datori di lavoro "privati"), anche non imprenditori, con esclusione del settore agricolo. È stato il decreto Agosto (decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104 convertito, con modificazioni, con legge di conversione 13 ottobre 2020, n. 126) a prevedere all'articolo 6, l'esonero totale, per una durata massima di 6 mesi, dal versamento dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro per nuove assunzioni o per le trasformazioni a tempo indeterminato; all'art. 7, l'esonero totale, per una durata pari al periodo dei contratti stipulati e in ogni caso non superiore ai 3 mesi, dal versamento dei contributi per assunzioni a tempo determinato nel settore turistico e degli stabilimenti termali. L'Inps con la circolare n. 133 del 24 novembre 2020, che ha fornito le indicazioni operative sbloccando l'esonero.

Bonus assunzioni 2020, la procedura

[Torna su]

Il titolare dello studio o il proprio intermediario deve inviare all'Inps il modulo on-line DL104-ES, inserendo una serie di informazioni: il lavoratore nei cui confronti è già intervenuta l'assunzione ovvero la trasformazione a tempo indeterminato di un precedente rapporto a termine; il codice della comunicazione obbligatoria relativa al rapporto instaurato; l'importo della retribuzione mensile media, comprensiva dei ratei di tredicesima e quattordicesima mensilità; la misura dell'aliquota contributiva datoriale oggetto dello sgravio.

Dopo i controlli, l'Inps verifica la disponibilità delle risorse e calcola l'importo dell'incentivo in relazione all'aliquota contributiva datoriale indicata ed autorizza la fruizione dell'esonero. Così il datore può godere del beneficio mediante conguaglio nelle denunce contributive Uniemens. Il periodo di fruizione dell'incentivo può essere sospeso solo in caso di assenza obbligatoria dal lavoro per maternità. L'esonero è subordinato al possesso del Durc, all'assenza di violazioni delle norme fondamentali a tutela delle condizioni di lavoro e rispetto degli altri obblighi di legge; rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali, nonché di quelli regionali, territoriali o aziendali, sottoscritti dalle organizzazioni sindacali più rappresentative sul piano nazionale.

Condividi
Feedback

In evidenza oggi: