Per l'Inps le domande per l'incentivo in alcuni casi sono da ripresentare per errata verifica del requisito riguardante lo stato di "privo di impiego"
uomo mette tessera bonus in tasca

Bonus IO Lavoro, domande da ripresentare

[Torna su]

Sono da rifare le domande di «IoLavoro». Le richieste dell'incentivo per lavoratori d'età dai 25 anni in poi non sono state accolte per errata verifica del requisito riguardante lo stato di "privo di impiego". Lo spiega l'inps, nel messaggio n. 4191 del 10 novembre 2020 (in allegato). Nel messaggio l'Istituto dà informazioni sulla verifica dello stato di disoccupazione per i giovani che abbiano 25 anni o più. La novità riguarda la sospensione della verifica dei requisiti per questa categoria di lavoratori per l'accesso al bonus assunzioni da parte di Anpal, e la possibilità tuttavia, di rinviare in un secondo momento le istanze.

Che cos'è il bonus "IoLavoro"

[Torna su]

IO lavoro è un incentivo per le assunzioni a tempo indeterminato effettuate dal 1° gennaio al 31 dicembre 2020, la cui gestione è stata affidata all'Inps dall'Anpal. Possono accedervi i datori di lavoro privati, compresi quelli del settore agricolo, che assumono persone disoccupate. Per disoccupati si intendono le persone prive di impiego che dichiarano al sistema informativo unitario delle politiche del lavoro la propria immediata disponibilità all'attività lavorativa e alla partecipazione a misure di politica attiva del lavoro, concordate con il centro per l'impiego. I lavoratori devono essere disoccupati e possedere i seguenti requisiti anagrafici: se il lavoratore, alla data di assunzione, ha un'età compresa tra i 16 e i 24 anni, ai fini dell'accesso al beneficio è sufficiente che lo stesso risulti disoccupato; se invece ha già compiuto 25 anni di età, oltre ad essere disoccupato, deve risultare privo di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi. Toccherà poi all'Inps calcolare l'importo del bonus in base all'aliquota contributiva datoriale indicata.

Bonus "IoLavoro", requisiti

[Torna su]

Il messaggio per l'istanza relativa ad alcuni disoccupati assunti, precisa che si tratta di coloro che hanno età pari o superiore a 25 anni. Il bonus assunzioni, IncentivO Lavoro spetta a persone disoccupate, dunque "i soggetti privi di impiego che dichiarano, in forma telematica, al sistema informativo unitario delle politiche del lavoro di cui all'articolo 13, la propria immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa e alla partecipazione alle misure di politica attiva del lavoro concordate con il centro per l'impiego".

Riguardo le istanze per l'accesso al bonus assunzioni IO Lavoro dei disoccupati che abbiano già 25 anni o più, l'Istituto spiega che è emersa la necessità di sospendere la verifica del requisito riguardante lo stato di "privo di impiego", per consentire all'Anpal di aggiornare la procedura per effettuare la verifica stessa. Alcune istanze risultano pertanto con la dicitura "KO-Non accolta", ma potranno essere nuovamente inviate poi, secondo le indicazioni che verranno comunicate direttamente ai soggetti che le hanno inserite. Infine, l'Inps ricorda che "È privo di impiego regolarmente retribuito chi, nei sei mesi precedenti la data dell'evento agevolato, non ha prestato attività lavorativa riconducibile ad un rapporto di lavoro subordinato della durata di almeno sei mesi ovvero non ha svolto attività di lavoro autonomo o parasubordinato dalla quale sia derivato un reddito che corrisponde a un'imposta lorda superiore alla misura delle detrazioni spettanti ai sensi dell'articolo 13 del Testo unico delle imposte sui redditi (TUIR), di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917."

Scarica pdf messaggio Inps n. 4191/2020
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: