Presentata interrogazione al ministro della giustizia sulla correzione degli elaboratori degli esami scritti per l'accesso alla professione forense. "Commissioni sfuggono alla legge"
giovane studente prende appunti per concorso

Esame avvocato: l'interrogazione a Bonafede

[Torna su]

Gli elaborati degli esami scritti per l'accesso alla professione forense potrebbero essere estratti da una busta e reinseriti in un'altra con numerazione diversa. Nessuno può saperlo. E nel processo di verbalizzazione, i voti assegnati a un candidato potrebbero non essere quelli realmente corrispondenti ai suoi elaborati.

L'operato delle commissioni esaminatrici, già sotto i riflettori degli organi internazionali per la protezione dei diritti umani, sfugge persino alla legge.

È quanto emerge dall'analisi dei deputati Ciro Maschio e Maria Carolina Varchi, componenti della Commissione Giustizia alla Camera, che nell'interrogazione parlamentare a risposta scritta presentata il 22 ottobre 2020 chiedono al Ministro della Giustizia "se e quali immediate iniziative di competenza intenda adottare il Governo per porre rimedio al vulnus normativo in materia di procedure d'esame di avvocato".

Il caso

[Torna su]

La questione recentemente venuta alla luce e rilevata dai due deputati in sede di sindacato ispettivo riguarda la fase esecutiva delle correzioni per l'esame di avvocato, del tutto sprovvista di una base giuridica che la legittimi.

Leggi anche Esame avvocato: eliminata la norma a garanzia delle correzioni

Mentre, infatti, fino al 1988 le correzioni erano disciplinate dall'art. 23 c. 1 del Regio Decreto 34/1937, oggi questa norma non esiste più, lasciando i commissari d'esame liberi di agire senza alcuna base giuridica che li legittimi.

In realtà, si legge nell'interrogazione parlamentare, "gli articoli 4 e 5 del decreto ministeriale n. 48 del 2016 dettano disposizioni specifiche sia per la fase dell'esame volta a garantire l'anonimato, sia per la fase esecutiva delle correzioni, ma non sono ancora operativi, essendo sottoposti allo stesso differimento di cui all'articolo 49 della legge 247 del 2012".

Una vera e propria anomalia, considerato che la fase esecutiva delle correzioni è disciplinata e garantita legislativamente per magistrati, notai e avvocati dello Stato.

Esame avvocato: dramma di chi?

[Torna su]

Nel suo intervento di ottobre 2019 dinanzi al Consiglio Nazionale Forense il Ministro della Giustizia aveva parlato della necessità di "sdrammatizzare" l'esame, che attualmente non risponde a criteri di razionalità e troppo spesso si presta a esiti casuali e non sempre rispondenti agli effettivi meriti degli aspiranti avvocati.

Nonostante questa dichiarazione, nessun provvedimento di riforma è mai stato adottato, se non la proroga dell'aleatorietà quale principio cardine dell'esame, avvenuta con legge n. 8 del 28 febbraio 2020.

Bisognerebbe allora capire a quale "dramma" il Ministro faccia riferimento: a quello di migliaia di professionisti che non riescono ad accedere al mondo del lavoro dopo anni di sacrifici, o a quello dello Stato tenuto in ostaggio da interessi anticoncorrenziali?

L'aleatorietà con cui vengono selezionati gli attuali avvocati è ormai sotto i riflettori degli organi internazionali per la protezione dei diritti umani, come del resto si evince nell'interrogazione parlamentare che i deputati Maschio e Varchi hanno presentato.

Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: