Il Consiglio dei ministri ha approvato delle disposizioni integrative e correttive al codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza. Ecco cosa cambia
uomo di affari che salta la crisi

Codice della crisi già rinnovato

[Torna su]

Tenendo conto dei pareri espressi dalla sezione consultiva per gli atti normativi del Consiglio di Stato e dalle Commissioni parlamentari di riferimento, il Consiglio dei ministri, nella seduta del 18 ottobre 2020, ha approvato in esame definitivo delle importanti modifiche al codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza, che innovano tratti salienti della procedura e chiariscono alcuni passaggi del decreto legislativo n. 14/2019.

L'obiettivo perseguito è quello di rendere meno incerti i diversi istituti e, soprattutto, di coordinare al meglio la relativa disciplina.

La nozione di crisi

[Torna su]

La prima e più importante previsione è quella che chiarisce la nozione di crisi.

Se attualmente il codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza parla di difficoltà, a seguito della recente innovazione si inizierà a parlare in maniera più puntuale di "squilibrio".

L'indice della crisi, poi, con la nuova formulazione cambia connotati e descrive non più una situazione di predizione di insolvenza, ma una situazione di insolvenza reversibile.

Il gruppo di imprese

[Torna su]

Nel testo licenziato dal Consiglio dei ministri, la nozione di gruppo di imprese viene resa più chiara.

In particolare, si precisa che la definizione normativa esclude non solo lo Stato, ma anche gli enti territoriali.

OCRI

[Torna su]

In alcuni settori, si è intervenuti apportando una maggiore rigidità.

Ci si riferisce alle norme relative all'individuazione del componente degli Organismi di composizione della crisi d'impresa riconducibile al debitore in crisi, che il provvedimento approvato su proposta del Ministro della giustizia Bonafe rende più stringenti.

Altre misure

[Torna su]

Ulteriori novità andranno a interessare le situazioni in presenza delle quali si presume lo svolgimento dell'attività di direzione e coordinamento da parte di un'impresa e le misure protettive del patrimonio del debitore.

Leggi anche:

- Codice della crisi e dell'insolvenza

- Codice della crisi e dell'insolvenza in vigore dal 2021

Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: