Dal 14 luglio la proroga delle misure restrittive: non apriranno le discoteche e non saranno possibili le fiere
Difese dai virus

Misure di contenimento prorogate al 31 luglio

[Torna su]

È quello del 31 luglio il nuovo termine fino al quale potranno essere prorogate tutte le misure restrittive contenute nel Dpcm emanato l'11 giugno scorso. Si tratterebbe di una proposta, contenuta nel nuovo Dpcm che il governo si prepara a presentare domani, martedì 14 luglio, giorno in cui scadranno i provvedimenti varati l'11 giugno. È vero che il numero dei contagi si è fortemente ridotto ma è anche vero che l'emergenza rimane, soprattutto nei luoghi (fiere, discoteche) in cui sono previsti assembramenti. Domani toccherà al ministro della Salute Roberto Speranza illustrare in Parlamento i provvedimenti. Una delibera del Consiglio dei ministri dovrebbe (non mancano le polemiche) far slittare alla fine dell'anno lo stato di emergenza e legittimare «le restrizioni delle libertà personali». Invece che fino al 31 dicembre, il Governo prende in considerazione l'ipotesi del 31 ottobre per la proroga dello stato d'emergenza.

Coronavirus, obbligo di mascherina e quarantena

[Torna su]

Vigente l'obbligo di indossare la mascherina nei luoghi chiusi accessibili al pubblico, compresi i mezzi di trasporto e in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire il mantenimento della distanza di sicurezza. Valida l'applicazione della sanzione penale per chi viola la quarantena obbligatoria, indispensabile in questa fase di aumento dei contagi da importazione.

Coronavirus, ancora stop per fiere e discoteche

[Torna su]

Nell'ottica di evitare assembramenti resta ancora un nulla di fatto per discoteche, fiere e congressi ed eventi che comportano assembramenti in spazi chiusi o all'aperto quando non è possibile assicurare il rispetto delle condizioni di sicurezza. Assembramenti da evitare anche nel caso di chiese e luoghi di culto. Permangono le misure per cinema, teatri e auditorium: posti a sedere preassegnati e distanziati, rispettando la distanza di almeno un metro (ad eccezione dei conviventi) e con un massimo di mille spettatori per spettacoli all'aperto e 200 in luoghi chiusi. Misure di contenimento fino al 31 luglio e protocolli di sicurezza per esercizi commerciali ed attività produttive: quindi distanza interpersonale di almeno un metro, ingressi dilazionati e sosta impedita nei locali più del tempo necessario all'acquisto dei beni.

Coronavirus, voli interdetti

[Torna su]

Sarà prorogato il divieto di ingresso a chi proviene da 13 Paesi anche utilizzando i voli triangolati: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Kuwait, Oman, Bosnia Erzegovina, Macedonia del Nord e Moldova, Brasile, Cile, Panama, Perù e Repubblica Dominicana. Gli italiani, che vivono o sono passati in uno di questi Stati, possono rientrare ma devono mettersi in quarantena. Permane l'obbligo di rimanere in isolamento 14 giorni anche per chi arriva dagli Stati Uniti.

Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: