Sempre per l'emergenza in corso, l'Autorità stabilisce una proroga per lo stop ai distacchi fino al 17 maggio e una nuova proroga per rinnovare i bonus sociali
donna mostra cartello con divieto

di Gabriella Lax - Ancora due provvedimento di Arera per andare incontro agli utenti che in questo momento hanno gravi difficoltà ad effettuare i pagamenti a causa dell'emergenza coronavirus.

Più tempo per rinnovare i Bonus sociali

[Torna su]

Con una provvedimento del 29 aprile 2020 (in allegato 140-20) l'Arera ha deciso che ci sarà più tempo per poter richiedere il rinnovo dei bonus sociali nazionali (elettrico, gas e idrico) e contestuale garanzia della loro continuità. Sono le nuove misure a favore dei cittadini che beneficiano dei bonus sociali nazionali e che potrebbero ancora avere difficoltà logistiche a presentare la domanda di rinnovo dei bonus nei termini precedentemente previsti. Per i consumatori cui il bonus è in scadenza nel periodo 1 marzo-31 maggio 2020 (la precedente data ultima era il 30 aprile), è data la facoltà di rinnovare la domanda per l'erogazione dei bonus oltre la scadenza originaria prevista, prolungando i tempi fino al 31 luglio 2020. Una volta accettata la domanda, a seguito delle normali verifiche, sarà garantito lo "sconto" in modo continuato e retroattivo a partire dalla data di scadenza originaria. Il rinnovo ha la consueta durata complessiva di 12 mesi.

Blocco ai distacchi elettricità, gas e acqua fino al 17 maggio

[Torna su]

Il secondo provvedimento (148-20 2 in allegato) riguarda il blocco ai distacchi elettricità, gas e acqua prorogato fino al 17 maggio. L'Autorità ritiene opportuno continuare ad assicurare la tutela dei clienti e degli utenti domestici, in modo proporzionato e adeguato a garantire anche la necessaria sostenibilità finanziaria degli interventi per tutta la filiera dell'energia e dell'ambiente.

Il provvedimento di proroga, quindi, conferma il blocco dei procedimenti di morosità fino al 17 Maggio 2020, per tutti i clienti domestici dell'energia elettrica e per i clienti domestici gas con consumi non superiori a 200.000 Smc/anno. Per il settore idrico il provvedimento è ugualmente valido per tutte le utenze domestiche.

Al termine del periodo di proroga, i fornitori dovranno riavviare le procedure di costituzione in mora dei clienti/utenti finali, rispettando i tempi di preavviso previsti dalle regole settoriali (energia, gas, acqua). La prima comunicazione di sollecito o di costituzione in mora dovrà contenere l'offerta al cliente/utente di poter rateizzare gli importi senza gli interessi.

Il caso degli utenti del servizio idrico con usi diverso dal domestico

[Torna su]

Per gli utenti del servizio idrico con usi diverso dal domestico i gestori, qualora il pertinente Ente di governo dell'ambito abbia verificato la compatibilità con la condizione di mantenimento dell'equilibrio economico-finanziario, possono offrire la rateizzazione del pagamento delle fatture non ancora scadute al 4 maggio 2020 (e comunque con scadenza entro il 31 maggio 2020), nonché di quelle emesse tra il 4 maggio 2020 e il 31 maggio 2020. Il piano di rateizzazione verrà definito dal gestore, d'intesa con l'Ente di governo dell'ambito.

Scarica pdf delibera Arera 140/20
Scarica pdf delibera Arera 148/20
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: