Questa una delle tante misure del pacchetto famiglia allo studio del governo. Dal congedo di 6 mesi per la maternità al nuovo bonus nido ecco le novità
bambini figli madre genitori affidamento

di Gabriella Lax - Una maternità di sei mesi. Sarebbe questa una delle tante novità allo studio del pacchetto famiglia pensato dal governo. Vediamo quali sono tutte le modifiche a cui si pensa.

Maternità, allo studio un congedo di 6 mesi

[Torna su]

Il governo pensa ad un unico congedo familiare complessivo di sei mesi con l'80% del tempo per le mamme e il restante 20% per i papà. In questi giorni al ministero del Lavoro nascerà un gruppo di esperti per vagliare una serie di proposte tra cui quella che riguarderà la possibilità di estendere il congedo famigliare. Al momento sono previsti 5 mesi obbligatori per la madre mentre; a cui si aggiunge il congedo obbligatorio per il padre che nel 2020, con la manovra, è salito da 5 a 7 giorni, più un giorno facoltativo che però può essere preso solo in sostituzione della madre.

Bonus mamma domani e bonus nido

[Torna su]

Secondo i numeri dell'Inps, come riportati dal Sole 24 Ore: per il bonus 'mamma domani' con 800 euro una tantum per i nuovi nati o adottati, l'anno scorso ne sono stati erogati 405mila, per una spesa totale di 324 milioni di euro.

Per il bonus nido: a fine 2019 sono state 201mila le domande accolte sulle 346mila presentate. La spesa, in questo caso, è di 198 milioni di euro sui 300 milioni totali impegnati.

Il bonus nido e il bonus bebè

[Torna su]

Il bonus nido è un sostegno nato nel 2016 come contributo di mille euro per le famiglie i cui figli frequentano gli asili nido. Nel 2018 si è arrivati a 1.500 euro. E in tre anni i beneficiari sono diventati il triplo: 109mila domande del 2016 alle oltre 346mila del 2019. Per il bonus bebè: gli assegni mensili, per questa misura, sono stati erogati a 237mila famiglie nel 2019.

Family act

[Torna su]

Nell'anno in corso le risorse previste per le famiglie dovrebbero essere rimodulate grazie ad uno stanziamento aggiuntivo per 300 milioni di euro. Si aspetta il riordino dei bonus che dovrebbe portare all'assegno unico universale e intanto, dal ministero, si punta a creare il cosiddetto "Family act". Le sostituzioni riguarderebbero le detrazioni Irpef per i figli a carico attualmente esistenti e che valgono 8,2 miliardi di euro. Il Family act dovrebbe abbracciare anche gli assegni al nucleo familiare per i lavoratori dipendenti che valgono 5,9 miliardi.

Condividi
Feedback

(20/01/2020 - Gabriella Lax)
In evidenza oggi:
» Coronavirus: stop agli incontri tra padre e figlio residenti in comuni diversi
» Sospensione del mutuo: ecco il modello