Sei in: Home » Articoli
 » Previdenza

Pensioni quota 100, ecco i moduli per il reddito

Condividi
Seguici

Nel messaggio n.54 del 9 gennaio scorso, l'Inps pubblica modelli e istruzioni per dichiarare i redditi percepiti nel corso della quota 100
ragazzo con computer che pensa alla pensione

di Gabriella Lax -L'Inps pubblica i modelli per dichiarare i redditi da lavoro percepiti nel corso della quota 100, e lo fa nel messaggio n. 54 del 9 gennaio del 2020 (in allegato), distinguendo tra le ipotesi che possono verificarsi.

I modelli relativi a quota 100 sul portale Inps

Per avere i modelli bisogna entrare nel sito dell'istituto di previdenza, seguendo il percorso "Prestazione e Servizi" > "Tutti i moduli" > "Assicurato Pensionato". L'utente si troverà di fronte due diverse procedure relative a coloro che già percepiscono il trattamento e per i nuovi richiedenti.

Il modello AP 140

Nello specifico, il modello AP140 riguarda chi chiede l'accesso a quota 100 e deve dichiarare nella domanda, in via preventiva, eventuali redditi incumulabili o cumulabili. E diviso in 4 parti:

- dichiarazione di assenza di redditi da lavoro, che va compilata nel caso in cui non si percepiscano altri redditi;

- dichiarazione redditi da lavoro incumulabili, secondo quanto previsto dalla circolare n. 117/2019, percepiti dopo la decorrenza della pensione. Riguardo al lavoro autonomo occasionale, ai fini della verifica del limite dei 5mila euro lordi annui, rileva il reddito annuo derivante da attività anche nei mesi precedenti la decorrenza della Quota 100;

- dichiarazione redditi da lavoro cumulabili derivanti da attività svolta precedentemente alla decorrenza Quota 100 (dichiarare il periodo di svolgimento);

- dichiarazione redditi da lavoro cumulabili riferiti a fattispecie elencate nel paragrafo 1.3 della circolare 117/2019, aventi natura di redditi da lavoro ma non rilevanti per espresse deroghe normative.

Il modello AP139

In particolare, il modello AP139 riguarda coloro che già sono in Quota 100 e devono dichiarare eventuali redditi. Anche in questo caso è prevista l'indicazione di qualsiasi reddito, cumulabile o incumulabile.

L'assenza di redditi deve essere dichiarata solo se nell'anno precedente siano stati percepiti redditi incumulabili che hanno dato luogo alla sospensione della pensione; la dichiarazione di assenza di redditi dà la possibilità di richiedere la riattivazione dei pagamenti. In tutti gli altri casi, i pensionati che non hanno percepito redditi da lavoro non devono presentare alcuna dichiarazione reddituale all'Istituto.

Scarica pdf Inps messaggio n. 54/2020
(12/01/2020 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Taser a tutte le forze dell'ordine
» Stop chiamate call center anche sui cellulari

Newsletter f t in Rss