Sei in: Home » Articoli

Ue, nuove norme e-privacy in arrivo

Condividi
Seguici

Ad essere toccati dall'introduzione del Regolamento europeo per la protezione dei dati, non sono stati i colossi del web, piuttosto le piccole e medie imprese
donna con dito su scritta delete

di Gabriella Lax - È trascorso un anno e mezzo dall'introduzione del Regolamento europeo per la protezione dei dati, ad esserne maggiormente toccati però non sono stati i colossi del web, piuttosto le piccole e medie imprese. Ulteriori cambiamenti però sono in agguato con l'introduzione di nuove norme.

  1. Cosa prevede il nuovo regolamento e-privacy
  2. E- privacy, le norme non convincono
  3. Manca l'approccio normativo asimmetrico

Cosa prevede il nuovo regolamento e-privacy

Il nuovo Regolamento e-privacy prevede una disciplina adeguata ai nuovi mezzi di comunicazione e in linea al Gdpr, di cui abbraccia anche il concetto di uniformità normativa e applicativa in tutti i Paesi dell'Unione. L'art.8.1, affrontando il tema dei cookie, stabilisce che l'installazione degli stessi sul device dell'utente potrà avvenire a condizione che il consenso sia espresso e informato. Non sarà dunque prevista la possibilità di ricorrere allo scroll della pagina web per esprimere il proprio consenso al trattamento.

E- privacy, le norme non convincono

Dopo l'esame del testo allo studio del Consiglio Ue sul nuovo regolamento sulla e-privacy il provvedimento «così com'è non è pronto per diventare un approccio generale» e così non passa l'esame delle compagnie di telecomunicazione rappresentate dalle associazioni Etno, Gsma e Cable Europe.

Manca l'approccio normativo asimmetrico

Secondo quanto comunicano le società «persistono disaccordi su questioni fondamentali circa l'impatto della proposta su varie parti dell'economia digitale», tra di esse, si evidenzia, in particolare, uno sbilanciamento normativo tra operatori europei e il restante scenario. Manca un «approccio normativo asimmetrico all'uso dei dati sulla posizione GPS soggetti al GDPR rispetto ai dati sulla posizione 'mobile' che ricade sotto le regole sulla e-privacy. Influenzando negativamente la capacità del settore delle tlc di innovare e competere con i fornitori di app e di sistemi operativi mobili».

(24/11/2019 - Gabriella Lax)
In evidenza oggi:
» Riforma del processo civile: ok del Governo
» UE: alle banche un nuovo meccanismo per pignorare senza Tribunale

Newsletter f t in Rss