Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Facebook cambia la privacy: per evitare le multe

Nuove regole per la privacy da Menlo Park in vista dell'entrata in vigore del regolamento il 25 maggio prossimo
parola facebook su sfondo nero

di Gabriella Lax - Nuove regole per la privacy su Facebook per evitare le multe dell'Unione europea. Il colosso lancia un video tutorial con una serie di nuove misure sulla privacy per dare maggior potere e controllo agli utenti in vista dell'entrata in vigore del regolamento Ue in materia dal prossimo 25 maggio.

Facebook, con le nuove regole per la privacy si evitano le multe Ue

Dunque Facebook pone maggiore attenzione esplicitando i "principi della privacy" in vista della General Data Protection Regulation (GDPR) il 25 maggio prossimo; il provvedimento al quale si stanno già adattando Google ed Amazon, prevede un aumento significativo delle multe per chi viola le leggi sulla protezione dei dati.

E, in questo contesto, la piattaforma rischia una multa pari al 4% del fatturato globale o 20 milioni di euro, a seconda di quale importo sia maggiore.

Così gli utenti per proteggere i propri dati personali su Facebook dovranno essere sicuri di condividere i contenuti solo con determinate persone: da qui i video informativi lanciati dalla piattaforma per la campagna di sensibilizzazione, come riporta l'Ansa, che la compagnia ha lanciato in occasione della Giornata internazionale della protezione dei dati personali.

Il più grande social terrà a battesimo un nuovo centro che raccoglierà tutte le impostazioni di base sulla protezione dei propri dati in un unico posto e in Europa organizzerà dei workshop mirati dedicati alle piccole e medie imprese.

(31/01/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» RC Auto: al via gli sconti obbligatori
» In arrivo più ferie e ponti per tutti
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» In arrivo più ferie e ponti per tutti
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Resta aggiornato. Segui StudioCataldi su Telegram      SCOPRI DI PIU'
chiudi