Il Garante Privacy sollecita Facebook affinché risponda ad una serie di quesiti prima della commercializzazione degli smart glasses sul mercato italiano
donna con occhiali spessi alla guida

Facebook View e Smart Glasses

[Torna su]

Gli occhiali Smart glasses mirino del Garante alla privacy. L'uscita degli occhiali nati dalla collaborazione tra Facebook e Ray Ban fa molto discutere in tema di privacy. Qualche anno fa ci aveva provato Google, coi Google glasses, a commercializzare gli occhiali connessi con la capacità di proiettare nei nostri occhi video e informazioni anche mentre camminavamo. Adesso, come spiega una nota delle due società arrivano i Ray-Ban Stories, smart glasses «che consentono di catturare foto e video in modo autentico, di condividere le avventure e ascoltare musica o rispondere alle telefonate, per rimanere in contatto con amici, familiari e tutto ciò che ci circonda».

Smart glasses e privacy

[Torna su]

Oggetti che, come ormai succede di frequente, potrebbero essere pericolosi in tema di privacy. Dunque con riferimento agli smart glasses dotati della funzionalità "Facebook View", il Garante per la protezione dei dati personali ha chiesto all'Autorità Garante irlandese (DPC- Data Protection Commission) di sollecitare Facebook affinché risponda ad una serie di quesiti prima della commercializzazione degli occhiali sul mercato italiano.

Già nei giorni scorsi, l'Autorità italiana si era già attivata nei giorni scorsi presso l'omologo irlandese ponendo una serie di questioni che integravano quelle già oggetto delle interlocuzioni avvenute tra la DPC e il social media.

Smart glasses, le richieste del Garante privacy

[Torna su]

È intenzione del Garante italiano acquisire elementi ai fini di una valutazione della effettiva corrispondenza del dispositivo alle norme sulla privacy. Nello specifico, il Garante ha chiesto di conoscere la base giuridica in relazione alla quale Facebook tratta i dati personali; le misure messe in atto per tutelare le persone occasionalmente riprese, in particolare i minori; gli eventuali sistemi adottati per anonimizzare i dati raccolti; le caratteristiche dell'assistente vocale collegato agli occhiali.

Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: