Sei in: Home » Articoli

Due euro al giorno per chi toglie in ritardo le foto altrui da Facebook

Condividi
Seguici

Per il Tribunale di Bari, chi pubblica foto altrui su Facebook senza il suo consenso preventivo commette un abuso perché viola i suoi diritti alla riservatezza e all'immagine e va condannato per il ritardo nell'eseguire l'ordine di cancellazione
facebook con lucchetto per privacy

di Annamaria Villafrate - Il Tribunale di Bari, con la sentenza del 7 novembre 2019 (sotto allegata) accoglie il ricorso avanzato da un uomo, che chiede che venga ordinata la rimozione delle suo foto e dei suoi figli dal profilo Facebook di una donna che ha frequentato in passato. Il Tribunale accoglie le richieste del ricorrente poiché pubblicare foto altrui senza il consenso lede i diritti all'immagine e alla riservatezza della persona. Per questo non solo ordina alla donna, rimasta contumace, le rimozione delle foto dal suo profilo, ma dispone anche l'obbligo di corresponsione di due euro per ogni giorni di ritardo nel dare esecuzione all'ordine di cancellazione.

  1. Foto dell'ex compagno e dei figli su Facebook
  2. Per pubblicare una foto altrui occorre il consenso della persona
  3. Due euro per ogni giorno di ritardo nell'eseguire la cancellazione delle foto

Foto dell'ex compagno e dei figli su Facebook

Un padre si rivolge al Tribunale per chiedere che la convenuta, una donna da lui frequentata in passato, tolga le sue foto e quelle dei suoi figli, dal suo profilo. Risultano infatti pubblicate sul suo profilo moltissime immagini del ricorrente e dei suoi figli. Questi fatti sono stati confermati da due testimoni e dalla mancata comparizione della parte a rendere interrogatorio.

Il ricorrente, prima di intraprendere il giudizio aveva tentato, tramite il suo legale di fiducia, di chiedere con raccomandata la rimozione delle foto dal profilo della convenuta, ma senza seguito alcuno. E' quindi che la donna abbia commesso un abuso dell'immagine altrui da cui deriva il diritto del ricorrente a ottenere la cancellazione dal profilo Facebook delle foto che ritraggono lui e i suoi figli.

Per pubblicare una foto altrui occorre il consenso della persona

il Tribunale precisa infatti che affinché si possa pubblicare la foto di una persona occorre il suo consenso e questo nel rispetto delle norme poste a tutela del diritto all'immagine (art. 10 c.c. e art. 96 legge 633/1941) e alla riservatezza (art. 6 Regolamento UE 2016/679), in quanto la pubblicazione dell'immagine altrui rappresenta trattamento di un dato personale.

Chiaro che nel caso di specie il consenso del ricorrente è stato negato. La condotta della donna quindi è illecita, poiché l'omessa cancellazione rappresenta un vero e proprio abuso dell'immagine altrui.

Due euro per ogni giorno di ritardo nell'eseguire la cancellazione delle foto

Per questo il Tribunale accoglie il ricorso e ordina alla convenuta di cessare tale condotta abusante, cancellando dal proprio profilo di ogni foto del ricorrente e dei suoi figli e disponendo una misura di coercizione indiretta all'adempimento dell'obbligo, ai sensi dell'art. 614 bis c.p.c.

Misura che il giudice stabilisce nell'obbligo "di corresponsione della somma di due euro per ogni giorno di ritardo nell'esecuzione dell'ordine di cancellazione, a far data dalla notifica del provvedimento.

Leggi anche:

- Vietato pubblicare foto dei figli su Facebook: il modello di Mantova

- Attenti a usare le foto di Facebook: sono proprietà privata!

- Facebook: rischia una multa il genitore che non rimuove foto e post sui figli

Scarica pdf Tribunale di Bari del 7-11-2019
(22/11/2019 - Annamaria Villafrate) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Risarcito con 15mila euro ogni migrante respinto illegalmente
» Multa nulla se l'autovelox si trova sul senso di marcia sbagliato

Newsletter f t in Rss