Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Quando l'avvocato ha diritto al compenso

Condividi
Seguici

Presupposto affinché sorga il diritto al compenso è l'avvenuto conferimento dell'incarico, che può essere provato dall'avvocato con qualsiasi mezzo
uomo che protegge bilancia con soldi concetto equo compenso

di Valeria Zeppilli - Sebbene sia ovvio che l'avvocato che presta la propria opera professionale in favore di un cliente abbia diritto a essere remunerato per tale attività, in alcuni casi questo nesso non è così scontato.

Presupposto affinché sorga il diritto al compenso, infatti, è la sussistenza di un incarico conferito espressamente dal cliente all'avvocato.

  1. La procura alle liti
  2. Il domiciliatario
  3. La prova dell'avvenuto conferimento dell'incarico

La procura alle liti

In presenza di procura alle liti, il problema non si pone: tale documento è idoneo a dimostrare che il cliente abbia inteso avvalersi dell'opera del legale e che, quindi, debba remunerarlo.

Il domiciliatario

Qualche problema in più si pone con riferimento alle domiciliazioni, che spesso sono oggetto di una procura specifica, da tenere distinta dal rilascio del mandato professionale, e che possono quindi determinare qualche perplessità in ordine al pagamento del compenso.

Per comprendere meglio a cosa ci si sta riferendo, si può ad esempio fare riferimento all'ordinanza della Corte di cassazione numero 27466/2019 (qui sotto allegata), che ha escluso il diritto al compenso di un domiciliatario per un atto di precetto, alla luce del fatto che in giudizio era stata accertata solo la domiciliazione del cliente presso di lui e non uno specifico conferimento di incarico.

La prova dell'avvenuto conferimento dell'incarico

Più in generale può dirsi che, se il cliente contesta il diritto al compenso dell'avvocato, la prova dell'avvenuto conferimento dell'incarico può essere data con qualunque mezzo istruttorio.

In sostanza, occorre dimostrare (avvalendosi di uno qualunque dei diversi strumenti probatori messi a disposizione del nostro ordinamento) che l'incarico è stato conferito con qualunque forma idonea a manifestare in maniera inequivocabile che il cliente convenuto in giudizio per il pagamento del compenso abbia espresso la propria volontà di avvalersi dell'attività e dell'opera dell'avvocato poi non pagato.

Vai alla guida: "Compensi avvocato"

Scarica pdf ordinanza Corte di cassazione numero 27466/2019
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(03/11/2019 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Multe stradali: dal 2020 basterà l'ingiunzione fiscale
» Cognome materno ai figli: oltre 54mila firme per la petizione

Newsletter f t in Rss