Sei in: Home » Articoli

Decreto Cybersecurity: ok dalla Camera

Condividi
Seguici

Primo sì della Camera al decreto sulla sicurezza nazionale cibernetica. Golden power più forte nel 5G e centro di valutazione contro le minacce cyber - Le novità e il testo
parola cybersecurity

di Redazione - Via libera al decreto Cybersecurity con 269 voti a favore, 3 no e 137 astenuti. Ieri la Camera ha approvato il ddl di conversione del decreto n. 105/2019 recante disposizioni urgenti in materia di perimetro di sicurezza nazionale cibernetica (sotto allegato). Il testo, che ora passa al Senato, rimette in campo più poteri all'esecutivo con la Golden Power, estese ora al 5G, definisce il "perimetro di sicurezza nazionale cibernetica" e prevede l'istituzione di un centro di valutazione nazionale contro le minacce cyber.

Ecco le novità principali:

  1. Perimetro di sicurezza: cos'è
  2. Golden power, maggiori poteri all'esecutivo
  3. Centro di valutazione nazionale

Perimetro di sicurezza: cos'è

La nuova legge prevede che, al fine di scongiurare ogni minaccia informatica alla sicurezza nazionale, gli enti pubblici e privati fornitori di servizi strategici rientrino nel "perimetro di sicurezza nazionale cibernetica".

Tali soggetti saranno identificati da un decreto del presidente del consiglio dei ministri e avranno obblighi specifici di sicurezza informatica (ad es. nell'acquisto di prodotti o sistema che possano produrre o agevolare attacchi).

Golden power, maggiori poteri all'esecutivo

Il testo inoltre estende le norme sul perimetro di sicurezza alle imprese nel settore del 5G e prevede che il potere dell'esecutivo possa essere esercitato contro "soggetti esterni all'Ue" intenzionati ad acquisire le azioni di società nazionali di infrastrutturale critiche, gestione dati e finanziarie, mentre il potere di veto si estende dalle "delibere" sino all'adozione di atti o operazioni.

Centro di valutazione nazionale

Il ddl prevede, infine, due istituzioni centrali nel prevenire e verificare le minacce cyber: il Dis (Dipartimento informazioni e sicurezza) con compiti di coordinamento e controllo delle procedure e il Cvcn (Centro di valutazione e certificazione nazionale), istituito presso il ministero dello Sviluppo economico che potrà imporre condizioni e test di hardware e software ai materiali da acquisire da parte degli enti rientranti nel perimetro di sicurezza.


Leggi anche:

- Cybersecurity

- Cybersecurity: le linee guida italiane

Scarica pdf ddl Cybersecurity
(25/10/2019 - Redazione) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: niente iscrizione alla Cassa se si supera il reddito per un anno
» Cognome materno ai figli: oltre 54mila firme per la petizione

Newsletter f t in Rss