La Cgia di Mestre propone al nuovo governo cinque interventi per rilanciare la crescita del paese
puzzle che indica crescita business con freccia in alto

di Redazione - una sorta di ricetta per rilanciare la crescita del nostro paese che è virtualmente a zero (+0,2%) da almeno vent'anni.

La Cgia di Mestre propone al nuovo governo cinque interventi mirati in particolar modo sulle esigenze delle Pmi che costituiscono il tessuto connettivo del Paese.

Riduzione tasse e semplificazione sistema

[Torna su]

Il primo intervento consiste nella forte riduzione delle tasse e nella semplificazione del sistema tributario, con uno choc fiscale che riduca, in 3 anni, la pressione fiscale di almeno 5 punti percentuali.

Fra le misure possibili, spiegano gli artigiani, il taglio del cuneo fiscale, l'eliminazione dell'Irap per le micro e piccole imprese e dello split payment, il reverse charge nell'edilizia e la riduzione progressiva degli acconti Irpef, Ires, Irap e Inps.

Accesso al credito

[Torna su]

Il secondo intervento dovrebbe favorire l'accesso al credito, tramite uno speciale finanziamento della Bce alle banche con vincoli di destinazione a favore delle piccole e micro imprese.

Investimenti

[Torna su]

Altro intervento riguarda il "tornare ad investire", visto il crollo di quasi 20 punti percentuali rispetto all'anno pre-crisi (2007).

Lavoro e formazione

[Torna su]

Il quarto intervento riguarda l'incentivazione degli interventi per il lavoro e la formazione, soprattutto quella "professionalizzante in un'ottica di filiera che metta a regime il sistema duale (alternanza scuola/lavoro e apprendistato), aiutando economicamente gli istituti tecnici e professionali di 'frontiera'".

Impresa 4.0

[Torna su]

Ultimo punto, sostegno all'impresa 4.0 e uso del digitale, offrendo "le stesse corsie preferenziali burocratiche e le medesime risorse speciali attribuite alle start-up e Pmi tecnologiche".

Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: