Sei in: Home » Articoli
 » Contratti

Contratto di espansione: le istruzioni del ministero

Condividi
Seguici

Il ministero del lavoro detta le istruzioni operative per le aziende che potranno usufruire del contratto di espansione
uomini e donne che costruiscono puzzle concetto lavoro business

di Redazione - Pronte le istruzioni operative per poter usufruire del contratto di espansione. Il ministero del lavoro ha emanato infatti una approfondita circolare (la n. 16/2019 sotto allegata) che fornisce un quadro completo dell'istituto e si sofferma sui soggetti destinatari, il contenuto, la durata e le procedure.

  1. Cos'è il contratto di espansione
  2. Contratto di espansione: finalità
  3. La circolare del ministero del lavoro

Cos'è il contratto di espansione

Si ricorda, che il contratto di espansione è un istituto introdotto in via sperimentale per gli anni 2019 e 2020 (art. 41 d.lgs. n. 148/2015; art. 26-quater del d.l. n. 34/2019 convertito dalla legge n. 58/2019) rivolto alle imprese di grandi dimensioni con organico superiore alle 1000 unità lavorative e che abbiano altresì avviato un processo di reindustrializzazione e riorganizzazione di natura complessa tale che si determini in tutto o in parte una modifica dei processi aziendali, un progresso e uno sviluppo tecnologico dell'attività svolta.

Contratto di espansione: finalità

Si tratta di un intervento "propulsore di crescita interna e della competitività in ambito esterno". Una spinta alla crescita dettata dalla necessità, per le imprese che lo richiedono, di inserire nel contratto di espansione la programmazione per l'assunzione di nuove professionalità, progetti formativi e di riqualificazione del personale dipendente, al fine di modificare e aggiornare le competenze professionali possedute anche attraverso un impiego più razionale delle risorse disponibili.

La circolare del ministero del lavoro

Le istruzioni operative dettate dalla circolare del ministero del lavoro specificano i soggetti destinatari del contratto di espansione, l'oggetto e il contenuto del contratto, le procedure (uscita anticipata, riduzioni orarie), la verifica ispettiva, la compatibilità con altri strumenti di integrazione salariale. Il documento si sofferma poi sulle risorse finanziarie e il monitoraggio della misura, fornendo chiarimenti altresì sui contratti di solidarietà espansiva già sottoscritti prima dell'entrata in vigore del novellato art. 41.

Leggi anche Con il nuovo scivolo in pensione 5 anni prima

Scarica pdf circolare Ministero lavoro n. 16/2019
(16/09/2019 - Redazione) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Danno biologico: via libera alle nuove tabelle, indennizzi aumentati del 40%
» Tassa sulla plastica, si pagherà un euro al chilo

Newsletter f t in Rss