Sei in: Home » Articoli

Maxi-concorso 1.514 posti al ministero del lavoro: domande entro 11 ottobre

Condividi
Seguici

L'11 ottobre scade il termine ultimo per presentare la domanda di partecipazione al concorso del Ministero del lavoro per coprire 1514 posti di personale non dirigenziale
due concorrenti sulla linea di partenza

di Annamaria Villafrate - Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, Concorsi ed Esami n. 68 del 28 agosto 2019 il concorso pubblico per la copertura di 1514 posti di personale non dirigenziale, a tempo indeterminato, presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, dell'Ispettorato nazionale del lavoro e dell'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (sotto allegato). Una buona opportunità per i laureati di entrare a far parte della Pubblica Amministrazione.

  1. Profili professionali richiesti
  2. Requisiti di ammissione
  3. Prove del concorso
  4. Informazioni sull'espletamento delle prove
  5. Valutazione dei titoli dei candidati
  6. Presentazione della domanda

Profili professionali richiesti

I nuovi 1514 dipendenti sono richiesti nei seguenti ruoli:

  • 691 ispettori del lavoro, Area III - F1, per l'Ispettorato nazionale del lavoro, di cui 64 riservati al personale di ruolo dell'Ispettorato nazionale del lavoro;
  • 131 funzionari area amministrativa giuridico contenziosa, area III - F1, di cui 13 riservati al personale di ruolo dell'Ispettorato nazionale del lavoro;
  • 635 amministrativi, area C, livello economico C1, per l'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, di cui 127 riservati;
  • 57 funzionari amministrativi giuridici contenziosi, area funzionale III - F1, nei ruoli del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, di cui 6 riservati.

Requisiti di ammissione

Per il profilo di ispettore del lavoro serve uno dei seguenti titoli:

  • laurea magistrale in Giurisprudenza, Scienze delle pubbliche amministrazioni o titoli equiparati ed equipollenti;
  • laurea specialistica in Giurisprudenza, Teoria e tecniche della normazione e dell'informazione giuridica o titoli equiparati ed equipollenti;
  • diploma di laurea in Giurisprudenza o titoli equiparati ed equipollenti;
  • laurea in Scienze dei servizi giuridici, Scienze dell'amministrazione e dell'organizzazione, Scienze politiche e delle relazioni internazionali o titoli equiparati ed equipollenti.

Per il profilo professionale amministrativo/funzionario area amministrativa giuridico contenzioso occorre invece uno dei seguenti titoli:

- Per i 131 funzionari area amministrativa giuridico contenzioso per l'Ispettorato nazionale del lavoro

  • laurea magistrale in Giurisprudenza, Scienze delle pubbliche amministrazioni, Scienze della politica o titoli equiparati ed equipollenti;
  • laurea specialistica in Giurisprudenza, Teoria e tecniche della normazione e dell'informazione giuridica, Scienze delle pubbliche amministrazioni; Scienza della politica o titoli equiparati ed equipollenti;
  • diploma di laurea in giurisprudenza o titoli equiparati ed equipollenti, classi di laurea in Scienze dei servizi giuridici, Scienze dell'amministrazione e dell'organizzazione, Scienze politiche e delle relazioni internazionali o titoli equiparati.

- Per i 635 amministrativi nei ruoli dell'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro: laurea, diploma di laurea, laurea specialistica, laurea magistrale.

Prove del concorso

Il concorso prevede una prova scritta, una prova orale e di una prova pre-selettiva eventuale.

La prova pre-selettiva sarà un test con 60 quesiti a risposta multipla, 40 attitudinali per testare capacità logico-deduttiva, ragionamento logico-matematico e critico-verbale, 20 invece sono diretti a verificare la conoscenza del diritto costituzionale, amministrativo (accesso ai documenti amministrativi, trasparenza, prevenzione e contrasto della corruzione); diritto del lavoro e legislazione sociale; normativa del lavoro pubblico. La prova pre-selettiva verrà effettuata solo se il numero dei candidati che hanno fatto domanda è pari o superiore a due volte il numero dei posti a concorso.

La prova scritta avrà ad oggetto la risoluzione di 60 quesiti a risposta multipla e sarà articolata in modo diverso a seconda del ruolo che i candidati vorranno ricoprire e per i quali presentano i requisiti e domanda. In linea generale le materie richieste sono diritto costituzionale, diritto amministrativo, diritto civile, diritto del lavoro e legislazione sociale, elementi di diritto commerciale, elementi di scienza delle finanze, normativa in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro elementi di diritto dell'Unione europea, elementi di contabilità pubblica, elementi di diritto penale e di diritto processuale penale, elementi di diritto processuale civile, disciplina del lavoro pubblico e responsabilità dei pubblici dipendenti, ordinamento e attribuzioni dell'Ispettorato nazionale del lavoro, dell'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

La prova orale prevede un colloquio sulle discipline richieste per le prove scritte per verificare la preparazione e la capacità professionale dei candidati, ai quali è richiesta anche la conoscenza della lingua inglese, delle tecnologie informatiche, della comunicazione e del codice dell'amministrazione digitale.

Informazioni sull'espletamento delle prove

Giorno, ora, sede delle prove, informazioni di dettaglio sulla prova pre-selettiva, modalità di pubblicazione dell'elenco dei candidati ammessi agli scritti e ulteriori indicazioni di dettaglio, saranno pubblicati sul sul sito http://riqualificazione.formez.it e su quello del Ministero della giustizia, almeno venti giorni prima dello svolgimento.

Valutazione dei titoli dei candidati

Il candidato dove dichiarare se è in possesso di uno o titoli seguenti a cui sono attribuiti i seguenti punteggi, fino a un massimo di 10:

  • 1 punto per la votazione di 110 come voto di laurea relativo alla laurea di primo livello utile per l'ammissione al concorso, esclusa quella propedeutica alla specialistica;
  • 1,5 punto per la votazione da 90 a 100 come voto del diploma di laurea, specialistica o magistrale;
  • 2 punti per votazione da 101 a 106 come voto del diploma di laurea, specialistica o magistrale;
  • 2,5 punti per la votazione da 107 a 110 come voto del diploma di laurea, specialistica o magistrale;
  • 0,5 punti in più in caso di votazione con lode conseguita per i titoli sopra indicati;
  • 2 punti per ogni diploma di laurea, specialistica o magistrale, ulteriori rispetto ai titoli di studio utili per l'ammissione al concorso ad eccezione della laurea specialistica/ magistrale se naturale proseguimento della laurea triennale richiesta requisito ai fini della partecipazione;
  • 0,5 punti per ogni laurea di primo livello e per la magistrale nei casi in cui non è richiesta come titolo utile per partecipare al concorso;
  • 2,5 punti per i dottorati ricerca;
  • 2 punti per ogni corso o diploma di specializzazione;
  • 1 punti per ogni master universitario di primo livello;
  • 2 punti per master universitario di secondo livello;
  • 1 punto per la certificazione pari o superiore al B1 in lingua inglese, ottenuta presso un ente certificatore (tra quelli contemplati dal decreto n. 118 del 28 febbraio 2017. del D.G del Ministero dell'istruzione, Università e ricerca).

Presentazione della domanda

La domanda per prendere parte al concorso si può presentare solo on-line compilando il modulo apposito presente alla pagina https://www.ripam.cloud entro e non oltre l'11 ottobre 2019. Tra i dati richiesti i dati anagrafici, la cittadinanza, la residenza, il godimento di diritti civili e politici, assenza di condanne penali, ecc...

Conclusa la registrazione il sistema restituisce una ricevuta d'invio, con numero identificativo della domanda, data ed ora di presentazione, che il candidato è tenuto a salvare, stampare e conservare per poterla esibire al fine di prendere parte alla prova pre-selettiva e agli scritti. Per partecipare occorre infine versare la quota di partecipazione di euro 10,00 nelle modalità e sul conto indicato nel bando.

Scarica pdf bando Concorso Ministero del Lavoro 1514 posti - scad. 11 ottobre 2019
(15/09/2019 - Annamaria Villafrate) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Pedone investito: come si ripartisce la responsabilità?
» Affido condiviso: la Cassazione torna indietro di mezzo secolo!

Newsletter f t in Rss