Sei in: Home » Articoli

Aprire un B&B: vantaggi, regolamenti e disciplina fiscale

Condividi
Seguici

Cos'è il B&B, quali i vantaggi, la disciplina fiscale e i regolamenti da rispettare per aprire un bed and breakfast
cartello che indica bed e breakfast
di Andrea Raffaele Societaria.it - Bed and Breakfast è una formula che nell'immaginario collettivo suona un po 'come LAST MINUTE, una formula veloce, efficace ed essenziale, ciò che un turista desidera se decide di trascorrere un fine settimana fuori porta, o periodi più lunghi per viaggi d'affari o vacanze.


  1. B&B: i vantaggi
  2. Quali regolamenti rispettare per aprire un b&b
  3. Disciplina fiscale per l'apertura del Bed and Breakfast

B&B: i vantaggi

Il Bed and Breakfast è molto apprezzato perché sa coniugare le esigenze del cliente, in termini di rapporto qualità/prezzo, in grado di offrire ospitalità e servizio al cliente, prestando particolare attenzione ai dettagli, senza invidiare nulla agli hotel di lusso. Basti pensare ai kit di cortesia nei bagni, alle bottiglie di vino o agli spumanti nel frigo della camera o della suite, accompagnati da dolci tipici locali, che si concludono con l'abbondante e gustosa colazione offerta da un'ampia selezione di prodotti realizzati a mano, compresi i dolci. Molto spesso, il Bed and Breakfast ha il vantaggio di essere dotato di terrazze con vista panoramica dove viene servita la colazione.
Vediamo ora in dettaglio le caratteristiche e la normativa di riferimento.

Quali regolamenti rispettare per aprire un b&b

Per facilitare l'apertura regolare di un Bed and Breakfast, è necessario osservare e rispettare i regolamenti della Regione in cui si intende aprire il proprio B&B; in generale, il riferimento è alle normative in vigore nella propria regione, nel proprio comune e nel proprio territorio, con il profilo delle leggi regionali se si riferiscono alla legge principale: la legge 29 marzo 2001, n. 135 - "Riforma della legislazione nazionale sul turismo".

Disciplina fiscale per l'apertura del Bed and Breakfast

L'attività di Bed and Breakfast può essere esercitata senza aprire la partita IVA, senza iscriversi al Registro di commercio della Camera di commercio, infatti molte regioni non la considerano una vera attività commerciale e restituiscono le entrate prodotte tra redditi diversi.

Tuttavia, è necessario che il proprietario dell'attività sia dotato di un bollettino in cui deve annotare le ricevute per ricevere il pagamento dei pagamenti singoli. Pertanto, le entrate del Bed and Breakfast saranno la differenza tra la somma delle entrate ricevute e le spese documentate. Si dovrà applicare la ritenuta d'acconto per importi superiori a € 77,47 e tenere ricevute, fatture per documentare tutte le spese sostenute per l'acquisto di materiale funzionale all'attività.
Perché l'attività sia considerata non imprenditoriale è necessario che non venga esercitata regolarmente e senza mezzi organizzati. Il proprietario deve vivere nel Bed and Breakfast e deve essere aiutato dai membri della sua famiglia nella realizzazione dei servizi che consistono nella pulizia, nell'ordine delle camere, nell'igiene dei bagni, nella preparazione della colazione, in breve, in tutte le attività ordinarie. Il titolare può anche ottenere aiuto da terzi al di fuori del proprio nucleo familiare, a condizione che l'assistenza sia fornita su base completamente occasionale.

(12/09/2019 - Dott.ANDREA Raffaele) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Intralciare l'ambulanza? Si rischia una multa fino a 173 euro
» Allarme phishing, Agenzia delle Entrate: "non aprite le pec"

Newsletter f t in Rss