Diffuse alle Regioni le nuove linee guida per il Pronto soccorso che però, per il sindacato Coas medici dirigenti, sono "a dir poco preoccupanti"
gestione emergenza nel pronto soccorso di un ospedale

di Valeria Zeppilli - In pronto soccorso è in arrivo una vera e propria rivoluzione: quella determinata dalle linee guida (qui sotto allegate) elaborate dal Ministero della Salute e inviate nei giorni scorsi alle Regioni.

Dai codici del Triage, ai tempi di permanenza, agli standard delle Unità di osservazione breve intensiva, le novità sono molte.

Il nuovo Triage

[Torna su]

La riforma del Triage rappresenta di certo una delle innovazioni più importanti.

Dai colori, infatti, si passa ai numeri, da 1 a 5, che permetteranno delle classificazioni più precise dei pazienti.

C'è ora un anno e mezzo di tempo per adottare il modello, che sarà così articolato:

  • 1: massima emergenza e accesso immediato
  • 2: urgenza e accesso entro quindici minuti
  • 3: urgenza differibile e accesso entro sessanta minuti
  • 4: urgenza minore e accesso entro due ore
  • 5: non urgenza e accesso entro quattro ore.

Modello "See and treat"

[Torna su]

Per le urgenze minori è poi stabilito il modello "See and treat", che prevede che il paziente venga preso in carico da un infermiere, che applicherà tutte le procedure del caso, assicurando il completamento del percorso assistenziale dopo averlo condiviso con il medico.

Obi

[Torna su]

Altro aspetto rilevante è rappresentato dagli standard Obi, che prevedono l'ammissione nelle Unità di osservazione breve intensiva entro sei ore e la permanenza per non oltre trentasei ore.

Decorso tale termine, il paziente o viene dimesso ed eventualmente affidato a una struttura del territorio o viene spostato in un reparto.

Percorso pediatrico

[Torna su]

Infine, da segnalare l'attenzione prestata alla rilevazione e al trattamento del dolore pediatrico.

A tale proposito, le linee guida prevedono che l'infermiere addetto al triage dovrà avere a disposizione e utilizzare costantemente delle scale validate del dolore pediatrico, specifiche per fasce d'età.

Le critiche

[Torna su]

Le prime critiche alle nuove linee guida non sono tardate ad arrivare.

La più dura di tutte è stata quella di Garau, segretario nazionale del sindacato Coas medici dirigenti, che le ha definite "a dir poco preoccupanti" e colpevoli di ovviare al problema della carenza di medici delegando le responsabilità al personale infermieristico.

Scarica pdf linee guida Pronto Soccorso
Vedi anche:
La raccolta di articoli in materia di responsabilità medica
La Guida Legale sulla responsabilità medica
Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: