I nuovi codici del pronto soccorso

Condividi
Seguici

Da 1 a 5 e da rosso a bianco: ecco la rivoluzione dell'accesso dei pazienti al Pronto Soccorso, con tempistiche ben definite
barella trasportata in pronto soccorso da infermieri

di Valeria Zeppilli - Nei giorni scorsi, le Regioni hanno ricevuto dal Ministero della salute le nuove linee guida che dovranno orientare le attività dei pronto soccorso italiani.

  • 1. Pronto soccorso: la riforma dei codici di accesso
  • 2. I codici del pronto soccorso
  • 3. Le critiche ai nuovi codici: mancano i medici
  • Pronto soccorso: la riforma dei codici di accesso

    Tra le molteplici novità, anche una riforma dei codici di accesso, con un passaggio dai classici colori a dei nuovi colori abbinati a dei numeri, che individuano il grado di urgenza del trattamento del paziente che ha eseguito l'accesso e, conseguentemente, i tempi di attesa massimi entro il quale lo stesso deve essere visitato.

    I codici del pronto soccorso

    In particolare, ecco la nuova codifica della priorità e dei tempi di attesa.

    Emergenza

    Numero 1: colore rosso - emergenza (interruzione o compromissione di una o più funzioni vitali) - accesso immediato alle aree di trattamento.

    Urgenza

    Numero 2: colore arancione - urgenza (rischio di compromissione delle funzioni vitali. Condizione con rischio evolutivo o dolore severo) - accesso alle aree di trattamento entro 15 minuti.

    Urgenza differibile

    Numero 3: colore azzurro - urgenza differibile (condizione stabile senza rischio evolutivo con sofferenza e ricaduta sullo stato generale che solitamente richiede prestazioni complesse) - accesso alle aree di trattamento entro 60 minuti.

    Urgenza minore

    Numero 4: colore verde - urgenza minore (condizione stabile senza rischio evolutivo che solitamente richiede prestazioni diagnostico terapeutiche semplici mono-specialistiche) - accesso alle aree di trattamento entro 120 munti.

    Non urgenza

    Numero 5: colore bianco - non urgenza (problema non urgente o di minima rilevanza clinica) - accesso alle aree di trattamento entro 240 minuti.

    Le critiche ai nuovi codici: mancano i medici

    I nuovi codici, però, non sono andati esenti da critiche.

    Tra le più dure, vi è quella del presidente della Società italiana di medicina di emergenza urgenza, Francesco Rocco Pugliese, per il quale rispettare i tempi di attesa fissati dalle linee guida è impossibile se non si pone rimedio al problema principale: la carenza di medici.

    Scettico rispetto ai nuovi codici è anche il Codacons, per il quale gli stessi "di sicuro non risolveranno i problemi".


    Leggi anche: "Responsabilità medica: nuove linee guida in pronto soccorso"

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(10/08/2019 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Equa riparazione: compensi agli avvocati in base al DM 55/2014
» Incidenti stradali: dal risarcimento va sottratta l'indennità di accompagnamento

Newsletter f t in Rss