Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Denunciare l'avvocato di controparte

Condividi
Seguici

Chi subisce una scorrettezza da parte di un avvocato può presentare un esposto al COA e dare il via al procedimento disciplinare a carico del legale
uomo accusato da diversi colleghi

di Valeria Zeppilli - Nell'esercizio della propria professione, gli avvocati devono rispettare i principi del codice deontologico forense e uniformare la propria attività ai suoi dettami.

Se non lo fanno, rischiano di subire un procedimento disciplinare e di essere assoggettati a sanzioni anche molto pesanti.

  1. La denuncia di clienti o colleghi
  2. Esposto al COA
  3. Il procedimento disciplinare a carico dell'avvocato
  4. Le sanzioni disciplinari

La denuncia di clienti o colleghi

Il cliente che ha subito una scorrettezza da parte di un avvocato può quindi decidere di denunciarlo e lo stesso può fare un collega o la stessa parte nei confronti dell'avvocato della controparte.

L'unico presupposto è di essere stato vittima in prima persona di una scorrettezza deontologicamente rilevante posta in essere da un legale.

In ogni caso, occorre specificare che il procedimento disciplinare non è a impulso di parte, ma si attiva anche solo con semplici informazioni o con la conoscenza, da parte del COA, di fatti pubblicamente noti.

In altre parole, non è necessario un esposto introduttivo.

Esposto al COA

Per denunciare l'avvocato di controparte, ma anche il proprio avvocato o un collega, basta presentare un esposto in carta libera al competente Consiglio dell'ordine degli avvocati, descrivendo dettagliatamene i fatti "incriminati".

E' poi il Consiglio distrettuale di disciplina competente a provvedere al controllo disciplinare.

Il procedimento disciplinare a carico dell'avvocato

Le fasi di cui si compone il procedimento disciplinare sono tre.

Innanzitutto, vi è la fase che si apre con l'acquisizione della notizia dell'illecito deontologico e la relativa iscrizione nell'apposito registro: da tale momento prende il via l'istruttoria, che avrà una durata massima di sei mesi.

Esaurita l'istruttoria o si formula il campo di incolpazione o si decide per l'archiviazione.

La terza fase si apre solo nel primo di tali due casi e consiste in un dibattimento, al cui esito si può giungere al "proscioglimento" dell'avvocato con formula "non esservi luogo a provvedimento disciplinare" oppure al richiamo verbale o all'irrogazione delle sanzioni previste dal codice deontologico.

Le sanzioni disciplinari

Le sanzioni disciplinari previste dal codice deontologico, nel dettaglio, sono:

  • l'avvertimento,
  • la censura,
  • la sospensione dall'esercizio della professione,
  • la radiazione dall'albo.

La scelta tra l'una e l'altra dipende dalla tipologia e dalla gravità dell'infrazione.


Per approfondimenti sulle sanzioni leggi Sanzioni disciplinari avvocati

Vai al testo del Codice Deontologico Forense

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(06/07/2019 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Intralciare l'ambulanza? Si rischia una multa fino a 173 euro
» Allarme phishing, Agenzia delle Entrate: "non aprite le pec"

Newsletter f t in Rss