Sei in: Home » Articoli
 » Previdenza

Contributo unificato 2019

Condividi
Seguici

Quali sono gli importi del contributo unificato 2019, i procedimenti esenti e quelli per i quali il contributo unificato è dimezzato
avvocato con orologio che segna tempo guadagni

di Valeria Zeppilli - Il contributo unificato è la somma che deve essere pagata all'atto dell'iscrizione a ruolo di un procedimento civile e che spetta per ciascun grado di giudizio.

  1. Contributo unificato 2019 cosa cambia
  2. Contributo unificato 2019: i procedimenti esenti
  3. Riduzione del contributo unificato 2019

Contributo unificato 2019 cosa cambia

Gli importi del contributo unificato variano a seconda della natura e dell'oggetto della controversia e sono immutati dal 2014.

Il contributo unificato 2019, quindi, è pari a quello degli scorsi anni.

Per controllare tutti gli importi leggi Contributo Unificato: tabella riassuntiva

Contributo unificato 2019: i procedimenti esenti

Per il 2019 anche i procedimenti esenti da contributo unificato restano invariati.

Si tratta, in particolare, dei seguenti:

  • procedure di lavoro in presenza dei requisiti di cui all'articolo 9, comma 1-bis, del testo unico 115/2002
  • esecuzione mobiliare o immobiliare su sentenze o ordinanze emesse nei giudizi di lavoro
  • procedimenti concernenti la prole e il relativo mantenimento
  • processi di cui all'articolo 3 della legge Pinto
  • rettificazione dello stato civile
  • processi in materia tavolare
  • procedimenti di assenza e morte presunta e altri procedimenti di cui al libro IV, titolo II, capi da II a V, del codice di procedura civile.

Riduzione del contributo unificato 2019

Infine, restano gli stessi anche quest'anno i procedimenti per i quali l'importo del contributo unificato è ridotto del 50% rispetto a quello ordinario.

Ci si riferisce, in particolare, ai seguenti casi:

  • procedimenti speciali previsti nel libro IV, titolo I, del codice di procedura civile (procedimenti per ingiunzione, procedimenti per convalida di sfratto, procedimenti cautelari o possessori, procedimenti sommari di cognizione, accertamento tecnico preventivo)
  • giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo in primo grado
  • procedimenti di sfratto per morosità
  • procedimenti di finita locazione
  • procedure di lavoro, salve le previsioni dell'articolo 9, comma 1-bis, del testo unico 115/2002.


Per approfondimenti vai alla guida Il contributo unificato

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(17/06/2019 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Cosa rischia l'avvocato che non fattura subito i compensi?
» Cognome materno ai figli: oltre 54mila firme per la petizione

Newsletter f t in Rss