Sei in: Home » Articoli

La madre risarcisce il figlio per avergli impedito di vedere il padre

Condividi
Seguici

Per la Cassazione il giudice ha facoltà di applicare le misure di cui all'art. 709-ter c.p.c. nei confronti del genitore ostacola il corretto svolgimento delle modalità dell'affidamento
figlia va con la madre e non con il padre dopo divorzio
di Lucia Izzo - Il genitore che, con atteggiamento ostruzionistico, impedisce all'altro di vedere il figlio nonostante gli accordi intervenuti prevedano una maggiore frequentazione, rischia di incorrere nella condanna a risarcire il figlio per aver leso il suo diritto alla presenza di entrambi i genitori nella sua vita.

Il giudice, infatti, ha facoltà di applicare le misure previste dall'art. 709-ter c.p.c. nei confronti del genitore resosi gravemente inadempiente o responsabile di atti idonei ad arrecare pregiudizio al minore oppure a ostacolare il corretto svolgimento delle modalità dell'affidamento.

Tanto ha chiarito la Corte di Cassazione, prima sezione civile, che, con l'ordinanza n. 13400/2019 (qui sotto allegata), ha respinto il ricorso di una mamma che aveva permesso all'ex di vedere il figlio solo poche volte in due anni.

La vicenda

In particolare, la Corte d'Appello aveva ampliato le modalità di incontro del padre con il minore, condannando la madre a risarcire ben 5mila euro al figlio per i danni a lui provocati, in forza dell'art. 709-ter, secondo comma, nr. 2, c.p.c., per lesione del diritto alla bigenitorialità a causa del clima di conflittualità esistente tra i coniugi a seguito della separazione.

Un risarcimento che la signora ritiene ingiusto, affermando che era stato proprio il figlio a non voler vedere da solo il padre e a pretendere in ogni incontro con questi anche la presenza della madre. Per gli Ermellini, invece, tali doglianze appaiono infondate.

Impedire al figlio di vedere l'altro genitore: scatta il risarcimento del danno

La Corte evidenzia come, dal provvedimento impugnato, si evince che il padre, in circa due anni e mezzo, aveva incontrato il figlio solo tre volte nonostante gli accordi intervenuti tra i genitori che prevedevano una più ampia frequentazione.

I comportamenti ostativi contestati alla ricorrente hanno condotto alla condanna di risarcimento a favore del figlio con l'intenzione di censurare proprio la mancata frequentazione tra il padre e il figlio e il ruolo svolto dalla madre.

Le misure previste dall'art. 709-ter c.p.c., spiega la Cassazione, in particolare la condanna al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria, sono suscettibili di essere applicate facoltativamente dal giudice nei confronti del genitore responsabile di gravi inadempienze o di atti "che comunque arrechino pregiudizio al minore od ostacolino il corretto svolgimento delle modalità dell'affidamento" (cfr. Cass. 16980/2018).

Nel caso di specie, la Corte d'appello ha ritenuto comprovato un atteggiamento ostruzionistico della madre e il condizionamento al corretto svolgimento delle modalità di affidamento del minore, nonché il disagio, le sofferenze e i conflitti derivati al minore dall'atteggiamento della madre. Il ricorso viene, pertanto, rigettato.

Scarica pdf Cass., I civ., ord. n. 13400/2019
(21/05/2019 - Lucia Izzo) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Gratuito patrocinio: compensi uguali per gli avvocati
» Bollette luce e gas: le novità da luglio
» Minaccia aggravata per chi insulta l'amministratore di condominio
» Separazione dei beni ed ereditÓ
» Ricerca beni da pignorare: ecco le linee guida di Milano

Newsletter f t in Rss