Sei in: Home » Articoli

In arrivo 250mila assunzioni per digitalizzare la PA

Condividi
Seguici

Secondo il ministro Bongiorno i nuovi concorsi saranno svolti attraverso l'impiego degli strumenti informatici e le assunzioni prioritarie saranno quelle che servono alla digitalizzazione della Pa
due uomini con computer collegato a internet

di Gabriella Lax - Secondo il Dipartimento della Funzione pubblica i dipendenti pubblici che andranno in pensione nel 2019 pari saranno 250 mila. Di queste 150mila cessazioni riguardano la Legge Fornero e 100mila Quota 100. Guardando nel lungo periodo, nei prossimi tre o quattro anni a lasciare la P.a. saranno 500mila lavoratori.

Da qui la necessità di aprire le porte a nuovi arrivati, selezionati con appositi concorsi.

250mila nuovi assunti per concorso

«I nuovi concorsi - secondo Bongiorno - saranno svolti attraverso l'impiego degli strumenti informatici e secondo modalità differenziate in relazione alle professionalità da reclutare - perché - Le assunzioni prioritarie saranno quelle che servono alla digitalizzazione della Pa». A tal proposito, a margine del forum della pubblica amministrazione, il ministro della PA, Giulia Bongiorno, chiarisce: «Presto ci sarà un grande ricambio generazionale e nella legge bilancio sono stanziati fondi per nuove assunzioni. Con il ministro dell'Università Bussetti stiamo studiando un nuovo corso universitario per l'accesso diretto nella P.a.». L'intenzione è quella di trasformare la Pa in prima scelta per il ministro. La soluzione è già in preparazione. «Il governo sta studiando un disegno di legge per istituire un corso universitario al termine del quale - afferma Bongiorno attraverso un concorso, si possa entrare nella pubblica amministrazione». Si tratta di un corso di laurea che consenta agli studenti universitari «di poter fare un concorso, alla fine del suo percorso, direttamente nella Pa, questo permette a chi si iscrive all'università di sapere che ha questa opportunità e permette alla Pa di assumere ragazzi. Perché non è possibile che si entri nella Pa soltanto a 35 anni». Per la realizzazione di questa idea è già in programma un ddl. Secondo le motivazioni espresse dal ministro « Credo che la pubblica amministrazione abbia necessità di qualità, per questo si deve entrare per concorso e i concorsi devono essere selettivi e per questo metterò al centro dei concorsi anche dei test psico attitudinali. Non è sufficiente avere una buona memoria, bisogna saper organizzare il lavoro».

Leggi anche Arriva il corso universitario per entrare nella PA

(15/05/2019 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Il padre mantiene la figlia avvocato non ancora autosufficiente
» Abuso edilizio: qualche volta c'è assoluzione
» A che et si pu andare in pensione
» Il contratto di comodato - guida con fac-simile
» La caparra penitenziale

Newsletter f t in Rss