Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Niente ecobonus per le auto importate dall'estero

Condividi
Seguici

Secondo il sottosegretario Bitonci sia l'acquisto all'estero sia l'immatricolazione in Italia devono avvenire nel periodo di vigenza dell'ecotassa (1° marzo 2019-31 dicembre 2021)
tachimetro che segna alta velocità

di Gabriella Lax - Niente ecotassa per le auto importate dall'estero. Sembra questa l'esatta formulazione della norma relativa all'ecobonus auto, in relazione ad una risposta formulata dal sottosegretario all'Economia Massimo Bitonci nel corso di un question time.

Ecobonus per le auto importate dall'estero

Una risposta che, in ogni caso, non scioglie tutti i nodi. Come riporta il sole 24 Ore, la soluzione arriva dopo una interrogazione a risposta immediata sul fatto che la legge di Bilancio 2019, istituendo l'ecotassa per auto e altri veicoli leggeri non speciali con emissioni di CO2 superiori a 160 g/km, comprendeva nel campo di applicazione anche gli esemplari già immatricolati all'estero. Quindi, in teoria, una vasta gamma di situazioni: da quella di chi si trasferisce in Italia portandosi la sua vecchia auto a quella di chi va all'estero per acquistare un esemplare usato.

A tal proposito, la risposta del sottosegretario restringe il campo e chiarisce che sia l'acquisto all'estero sia l'immatricolazione in Italia devono avvenire nel periodo di vigenza dell'ecotassa (1° marzo 2019-31 dicembre 2021).

Tuttavia Bitonci, per l'occasione, cita la risoluzione 32/E dell'agenzia delle Entrate, in un punto in cui parla di «acquisto del veicolo nuovo effettuato all'estero» e non di un usato. Dunque, almeno formalmente, la risposta non si riferisce alla domanda. Così non si può escludere del tutto che in futuro arrivino interpretazioni diverse.

Leggi anche Ecobonus auto al via da oggi

(26/04/2019 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Al via la riforma della TARI
» Cassazione: spetta all'Asl pagare i danni provocati dal randagio

Newsletter f t in Rss