Sei in: Home » Articoli

Parte l'Erasmus per giovani imprenditori

Condividi
Seguici

Sulla scia del famoso progetto di mobilità studentesca nasce il programma di scambio transfrontaliero per chi ha avviato un'attività d'impresa o sta muovendo i primi passi nella libera professione
uomo di affari che guarda i grattacieli

di Gabriella Lax - Il programma di mobilità studentesca ha fatto da apripista. Adesso anche gli imprenditori in erba possono scambiare competenze e mettersi alla prova con i colleghi di altre parti dell'Europa e dell'ex Jugoslavia, Israele, Singapore e Usa (Pennsylvania e Stato di New York). Nasce l'Erasmus per giovani imprenditori.

Erasmus per giovani imprenditori: cos'è

Erasmus per giovani imprenditori è un programma di scambio transfrontaliero per chi ha avviato un'attività d'impresa o sta muovendo i primi passi nella libera professione. Come riporta il Sole 24 Ore, l'idea di partenza era quella di permettere anche ai titolari di partita Iva di beneficiare delle stesse opportunità per affacciarsi su nuovi mercati e sviluppare rapporti di collaborazione internazionali. Il progetto pilota è partito nel 2009, il prossimo 18 marzo si celebrerà il suo decimo anniversario a Bruxelles. Si tratta di un programma finanziato con il bilancio europeo. Dal 2013 abbraccia anche i professionisti (con o senza Albo), di pari passo con la pari dignità acquisita come beneficiari di fondi europei (diretti e indiretti). Il punto d'incontro domanda e offerta sono i centri di contatto presenti sul territorio, attualmente 24.

Erasmus giovani imprenditori, requisiti e candidatura

Intanto la partecipazione è consentita come Erasmus giovani imprenditori (Erasmus for Young Entrepreneurs) come Ne (New entrepreneur) o come host (Host entrepreneur). Per i primi, il programma è aperto ad aspiranti o neo imprenditori e liberi professionisti che esercitano l'attività da meno di 3 anni e non esistono limiti di età (giovane si riferisce all'impresa e non al candidato). Per il secondo caso bisognerà essere il titolare- responsabile di un'impresa o di uno studio, avere un'esperienza consolidata ed essere disponibile a condividere le conoscenze con un neo imprenditore o professionista. La candidatura si presenta attraverso la piattaforma online e in lingua inglese della Commissione Ue: www.erasmus-entrepreneurs.eu.Dal link si seguono le indicazioni, inserendo il curriculum. Servirà indicare l'organizzazione intermediaria. Tocca al centro di contatto locale verificare la domanda ed accettarla se soddisfa i requisiti previsti. Il documento fondamentale è il business plan (comprensivo di attività, settore, mercato di riferimento, possibili clienti, costi e ricavi previsti) che serve per valutare l'impresa o il professionista e le motivazioni che spingono a partecipare al progetto. In caso di accoglimento si avrà accesso alla banca dati online contenente la lista degli imprenditori/professionisti ospitanti che aderiscono al programma. Si possono proporre fino a 5 nomi tratti da questo database. Inoltre sarà il contatto locale a fornire aiuto per trovare il partner idoneo. Il soggiorno può durare da uno a sei mesi potrà inoltre essere suddiviso in più momenti.

(11/03/2019 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Cellulare alla guida: multe fino a 2.588 euro
» Negoziazione assistita: l'avvocato lo paga lo Stato
» Il reato di maltrattamenti in famiglia
» Fisco: arriva il maxisconto sull'acquisto casa
» Codice della strada: arriva la riforma

Newsletter f t in Rss