Sei in: Home » Articoli

Permessi 104: il datore di lavoro può rifiutarli?

Condividi
Seguici

Il datore di lavoro è obbligato a riconoscere al dipendente i permessi 104 oppure può negarli? Vediamo
emoticon con dubbio

Domanda: il datore può negare al dipendente i permessi previsti dalla legge 104?

Risposta: i permessi orari e giornalieri retribuiti previsti dalla legge quadro 104, emanata per garantire l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate, non possono essere negati dal datore di lavoro al proprio dipendente.

La mancata concessione di tali permessi infatti si porrebbe in contrasto con la ratio della legge stessa. Chiarito che il datore di lavoro non può negare i permessi della 104, egli può però:

  • concordare con il proprio dipendente la programmazione degli orari e dei giorni di assenza, per gestire al meglio la propria attività d'impresa;
  • chiedere, con un certo anticipo, la comunicazione dei giorni o delle ore delle assenze chieste per assistere il familiare disabile.

Permessi 104: cosa sono

Precisato che i permessi della legge 104 non possono essere negati dal datore di lavoro, che può però concordare con il proprio dipendente una programmazione dei giorni e delle ore di assenza o chiedere che gli vengano comunicati con un certo anticipo i giorni o le ore in cui sarà assente dal lavoro, vediamo che cosa sono i permessi 104 e come funzionano.

I permessi previsti dalla 104 possono essere concessi:

  • direttamente al lavoratore disabile;
  • al dipendente che deve occuparsi della cura e dell'assistenza del parente disabile, che può essere il figlio, il coniuge, l'affine o il parente entro il terzo grado.

Si tratta in ogni caso di permessi retribuiti dall'Inps, che vengono anticipati concretamente dal datore di lavoro, che li compenserà con i contributi dovuti per il dipendente. Essi vengono concessi nella misura di tre giorni al mese, che il lavoratore deve usufruire obbligatoriamente durante il mese di riferimento, non essendo possibile procedere al cumulo. Per cui, se il dipendente per un mese non ne beneficia, il mese successivo non può recuperarli. La legge tuttavia, per garantire una gestione più elastica dei permessi, prevede la possibilità di convertire i tre giorni di permesso in due ore giornaliere di permesso. Naturalmente se il dipendente ha un contratto part-time, le ore e i giorni di permesso retribuiti verranno calcolate in proporzione. Se quindi un lavoratore, invece delle 8 ore canoniche giornaliere, ne lavora 4, anche i permessi verranno riproporzionati in 1,5 giorni al mese o nelle ore corrispondenti, se si opta per la fruizione oraria.

Permessi 104: retribuzione e contributi

I permessi di tre giorni al mese convertibili in permessi di due ore al giorno previsti dalla legge 104 non vanno a incidere negativamente sulla retribuzioneo sui contributi pensionistici. Il dipendente infatti anche nei giorni od ore di assenza è retribuito come se andasse al lavoro. Non solo, il lavoratore che fruisce dei permessi orari o giornalieri previsti dalla 104 non perde nulla neppure dal punto di vista contributivo, poiché matura i contributi figurativi.

Suggerisci un nuovo argomento per la rubrica: domande e risposte
Rubrica Domande e Risposte

(07/01/2019 - Domande e Risposte) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocato gratis anche quando l'ex non paga il mantenimento
» Cellulare alla guida: multe fino a 2.588 euro
» Legge Pinto: cosa prevede e come si presenta il ricorso
» Fisco: arriva il maxisconto sull'acquisto casa
» Google abbandona Huawei: addio ad Android?

Newsletter f t in Rss