Sei in: Home » Articoli

Addio ai cotton fioc (in plastica)

Da inizio anno i bastoncini per la pulizia delle orecchie sono banditi, sarà vietata la produzione e il commercio. Sarà possibile utilizzare solo quelli in materiale biodegradabile e compostabile
donna pulisce orecchie con cotton fioc

di Gabriella Lax - Il 2019 è l'anno che saluta per sempre i cotton fioc, ossia i bastoncini in plastica per la pulizia delle orecchie. Prosegue la battaglia contro la plastica così, da inizio anno, è vietata la produzione e il commercio dei bastoncini.

Cotton fioc in plastica banditi

Gli ecologisti possono iniziare a cantare vittoria perché da ora in avanti, gli unici bastoncini consentiti dovranno essere realizzati in materiale biodegradabile e compostabile. Inoltre sulle confezioni dovrà essere ben evidenziato il divieto di buttarli nel water, una cattiva abitudine che permette a questi rifiuti di passare direttamente dal bagno alle spiagge causando gravissimi danni all'ambiente e alla fauna marina. A tal proposito ci sono i dati raccolti dall'Agenzia europea per l'ambiente (Eea) che ha registrato come i bastoncini in plastica, usati per pulire le orecchie, rappresentano circa il 4% dei rifiuti presenti sulle spiagge europee, una percentuale che nel Mar Mediterraneo arriva fino al 5,2%, la più alta rilevata dai volontari che hanno effettuato la 'caccia al rifiuto' sulle spiagge dell'Oceano Atlantico nord-orientale (dove i cotton fioc rappresentano il 4,6% del totale dei rifiuti), del Mar Baltico (0,75%) e del Mar Nero (0,49%). Importante per rilevare i dati nel nostro Paese il lavoro dei volontari di Legambiente che, negli ultimi cinque anni, hanno monitorato 245 spiagge, facendo il censimento di 162.936 rifiuti, di cui il 9% è rappresentato proprio dai cotton fioc (14.342), una media di 60 bastoncini di plastica per ogni spiaggia. La normativa che vieta i cotton fioc è un grande traguardo per l'Italia, grazie a un emendamento alla scorsa legge di bilancio a firma di Ermete Realacci, insieme al divieto definitivo, previsto per il 1 gennaio 2020, all'uso delle microplastiche nei cosmetici da risciacquo, che rappresenterà una importantissima innovazione nella produzione di cosmetici e sulla tutela dell'ambiente. Anche l'Europa, nel contempo, lavora per mettere al bando i prodotti di plastica monouso come cotton fioc, piatti e posate di plastica, tra le principali cause dell'inquinamento degli oceani e delle acque di superficie.

(02/01/2019 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» La Cassazione sugli atti degli avvocati nelle indagini difensive
» Reddito di cittadinanza: come richiederlo
» Curriculum vitae: guida alla redazione con fac-simile
» Pensioni quota 100
» Una legge per punire chi avvelena i cani
Newsletter f g+ t in Rss