Sei in: Home » Articoli

Regali di Natale: scatta la corsa al riciclo

Condividi
Seguici

Secondo il report del Centro Studi Confcooperative gli italiani risparmieranno ben tre miliardi di euro grazie al riciclo dei doni ricevuti per le feste natalizie
regalo

di Gabriella Lax - Non sempre a fare i regali ci si azzecca. Così, smaltita la delusione di aver ricevuto in dono a Natale un "pacco" nel vero senso della parola o comunque un oggetto non gradito, si passa al piano "B": il riciclo del regalo. Secondo il report del Centro Studi Confcooperative gli italiani, come riporta ItaliaOggi, risparmieranno ben tre miliardi di euro grazie al riciclo dei doni ricevuti per le feste natalizie.

Natale, corsa al riciclo dei regali per un risparmio di 3 miliardi di euro

Secondo i dati dunque più di un italiano su tre passerà a riciclare i regali. Le stime parlano di 21 milioni di italiani rispetto ai 20 milioni dello scorso anno. Una tendenza che si conferma in crescita, aiutata anche dal mercato online. Come chiarisce il report del Centro Studi di Confcooperative, il riciclo ha forme e modalità diverse, di cui tre si possono inquadrare come le principali: 4 su 10 ricicleranno i doni ricevuti (58% donne e 42% uomini); 4 su 10 restituiranno i regali ricevuti nei negozi di acquisto per trasformarli in buoni da spendere (52% uomini - 48% donne) e 2 su 10 proveranno a rivendere i regali sui canali online. Nove riciclatori seriali online su 10 sono minori di trent'anni, a testimonianza del fatto che sono sostanzialmente i giovani a usare la rete (71% uomini - 29% donne). Tra gli oggetti più gettonati per il riciclo, in primis, i beni alimentari per il 49,7% (vini, spumanti, prosecchi e dolci); al 26,8% libri e buoni acquisto; al 23,5% sciarpe, guanti, cappelli, cosmetici e profumi.

(27/12/2018 - Gabriella Lax)
In evidenza oggi:
» Codice della strada: arriva la riforma
» Cassazione: il lavoratore non è obbligato a stimare l'azienda
» Legittima difesa in vigore: ecco come cambia il codice penale
» Appalto: le cause di estinzione
» La pensione minima

Newsletter f t in Rss