Sei in: Home » Articoli

Difensori d'ufficio, prorogato il termine per le domande

A deciderlo è un provvedimento del Cnf, del 4 dicembre 2018. La proroga del termine è stabilita fino al 30 aprile 2019
uomo in toga tiene bilancia

di Gabriella Lax - E' stato prorogato il termine per l'istanza di permanenza nell'elenco dei difensori d'ufficio. A stabilirlo un provvedimento del Consiglio Nazionale Forense, del 4 dicembre 2018, inviato ai Presidenti dei Consigli dell'Ordine degli Avvocati e, per conoscenza, all'Unione Camere Penali Italiane.

Prorogato il termine per l'istanza di permanenza nell'elenco dei difensori d'ufficio

La proroga del termine è stabilita fino al 30 aprile 2019.

E' stato il Consiglio Nazionale Forense a stabilire il termine per la presentazione dell'istanza comprovante la sussistenza dei requisiti per il mantenimento dell'iscrizione nell'elenco unico nazionale dei difensori disponibili ad assumere le difese di ufficio.

Lo spostamento è stato necessario alla luce dell'art. 1, comma 1-quinquies del Decreto legislativo n. 6/2015 di riordino della disciplina della difesa d'ufficio, nonché visti gli artt. 5 e 6 del Regolamento per la tenuta e l'aggiornamento dell'elenco unico nazionale e l'art. 2, comma 1, delle Linee guida nazionali interpretative per l'applicazione delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di difesa di ufficio.

Al momento dunque, gli avvocati disponibili ad assumere le difese di ufficio inseriti nell'elenco unico nazionale avrebbero dovuto presentare la detta istanza entro il 31 dicembre 2018. E invece si è deciso per lo spostamento del termine in considerazione del numero minimo di istanze nel frattempo pervenute e dei problemi applicativi derivanti dall'utilizzo della piattaforma appositamente dedicata.

(09/12/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» Foto minori sui social: la compagna di papà non può pubblicarle
» In arrivo il decreto ingiuntivo senza giudice
» Lo statuto dei lavoratori
» Famiglia: i modelli per la redazione degli atti
» Privacy: le indicazioni del Garante per medici e strutture sanitarie
Newsletter f t in Rss