Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati d'ufficio in Cassazione: domande e scadenze

Il CNF comunica agli avvocati interessati come essere inseriti nell'elenco unico nazionale dei difensori d'ufficio innanzi alla Corte di Cassazione
cassazione
di Lucia Izzo - Con una delibera del 24 novembre 2017, la commissione del Consiglio Nazionale Forense in materia di difese di ufficio e patrocinio a spese dello Stato, ha deciso di istituire, a far data dal 31 gennaio 2018, l'elenco degli avvocati disponibili ad assumere le difese d'ufficio nei giudizi di legittimità, la cui attivazione è pressoché imminente.

Pertanto, con una sua recente comunicazione (qui sotto allegata) il CNF ha rammentato ai professionisti interessati quali sono le scadenze e le modalità di presentazione dell'istanza comprovante la sussistenza dei requisiti per il mantenimento dell'iscrizione nell'elenco unico nazionale dei difensori disponibili ad assumere le difese d'ufficio innanzi alla Corte di Cassazione.

Avvocati d'ufficio in Cassazione: domande di permanenza

Il CNF avvisa che tutti gli avvocati inseriti nell'elenco (dei difensori disponibili ad assumere le difese di ufficio nei giudizi di legittimità), trasmesso dal Segretario presso la Corte Suprema di Cassazione, saranno inseriti di diritto nell'istituendo elenco tenuto dallo stesso CNF.

Le domande di permanenza, per il mantenimento nell'elenco, potranno essere presentare, come per tutti gli altri difensori d'ufficio, dal 31 gennaio 2018 sino al 31 dicembre 2018.

Tali domande (in allegato il modulo fac simile predisposto dal CNF), corredate dalla relativa documentazione, dovranno pervenire alla casella di posta elettronica certificata messa a disposizione dal CNF (difuffcassazione@pec.cnf.it) a far data dal 31 gennaio 2018.
CNF, Comunicazione avvocati d'ufficio in Cassazione
(30/01/2018 - Lucia Izzo)
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Usura e restituzione degli interessi del mutuo
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura

Newsletter f g+ t in Rss