Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati: stop a cause gratis

Prima sentenza sull'equo compenso. Il TAR Campania boccia il bando di un Comune che riconosceva agli avvocati onorari pari a zero per le controversie di valore sino a 500 euro
uomo che tiene cartello stradale di stop

di Valeria Zeppilli - Il TAR Campania, con l'ordinanza numero 1541/2018 qui sotto allegata, si è pronunciato per la prima volta sull'applicazione della nuova legge sull'equo compenso del 2017 ai rapporti tra avvocati e pubblica amministrazione, di fatto decretando - sebbene in via cautelare - l'illegittimità degli onorari pari a zero.

La vicenda

A ricorrere al TAR sono stati oltre cento legali, rappresentati e difesi dall'Avv. Elio Errichiello (che ringraziamo per la cortese segnalazione).

Oggetto della vera e propria rivolta la fissazione di compensi in maniera del tutto contrastante con il principio di equo compenso fatta da un Comune nell'avviso di costituzione di un elenco di professionisti per il conferimento di incarichi di difesa. In particolare, il bando aveva addirittura previsto un onorario pari a zero per il contenzioso di valore sino a 500 euro.

I giudici: la PA rispetti l'equo compenso

Il Tribunale Amministrativo ha quindi deciso di sospendere l'efficacia dell'avviso pubblico, invitando la PA a riesaminare tale atto in attesa della trattazione di merito e, in particolare, entro 20 giorni dalla comunicazione o notificazione dell'ordinanza. La gratuità del compenso è stata infatti ritenuta immediatamente lesiva per i ricorrenti, visto che le prescrizioni in tal senso del bando li costringevano ad assumere l'impegno ad accettare condizioni economiche inadeguate.

Per il TAR, deve del resto considerarsi che "le esigenze di riequilibrio finanziario debbano armonizzarsi con altri principi fondamentali dell'azione amministrativa, tra cui quelli di ragionevolezza e di proporzionalità nonché, nella fattispecie, quello di equo compenso per le prestazioni professionali".

Si tratta, chiaramente, di una grande vittoria per tutta la classe forense, che troppo spesso è costretta ad accettare condizioni contrattuali inique e che, finalmente, ha ottenuto dalla giurisprudenza il giusto riconoscimento del valore della sua professionalità.

Aggiornamento: Il Comune interessato ha deciso di annullare il bando in autotutela nei termini concessi dal giudicante.


Scarica pdf Tar Campania, ordinanza n. 1541/2018
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed � dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche � Diritto del lavoro presso l'Universit� 'G. D'Annunzio' di Chieti � Pescara
(06/11/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Gratuito patrocinio: se il ricorso è inammissibile addio compenso all'avvocato
» Stralcio debiti sotto mille euro: la prima sentenza
» Stralcio debiti sotto mille euro: la prima sentenza
» Stop al divieto delle due lauree
» Quota 100: in pensione prima ma con assegno pi leggero

Newsletter f g+ t in Rss