Sei in: Home » Articoli

In vigore da oggi il decreto emergenze

Il decreto emergenze prevede, tra l'altro, un commissario straordinario per la ricostruzione del ponte Morandi che starà in carica un anno, l'esclusione di Autostrade dalla ricostruzione del ponte Morandi e una garanzia statale fino a 360 milioni in 12 anni
ponte Morandi a Genova dopo crollo

di Gabriella Lax - Un commissario straordinario per la ricostruzione del ponte Morandi in carica per un anno e rinnovabile, l'esclusione di Autostrade dalla ricostruzione, e una garanzia statale fino a 360 milioni in 12 anni. Non solo. Ritorno della Cigs per cessazione e nuova Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie e delle infrastrutture. Sono le principali misure del decreto emergenze (sotto allegato) in vigore da oggi.

  1. Decreto emergenze in vigore
  2. Decreto emergenze: le misure per Genova
  3. Decreto emergenze, l'esclusione di Autostrade dalla ricostruzione
  4. Decreto emergenze, le altre misure

Decreto emergenze in vigore

Dopo la firma da parte del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella il decreto legge emergenze che contiene disposizioni urgenti, innanzitutto, sul crollo del Ponte Morandi a Genova è stato pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale ed è dunque in vigore.

Decreto emergenze: le misure per Genova

Entro 10 giorni dall'entrata in vigore del decreto, quindi entro il 9 ottobre, sarà nominato il commissario straordinario, con un incarico della durata di 12 mesi, comunque rinnovabile per non oltre un triennio dalla prima nomina. L'Esecutivo, inoltre, ha messo da parte 20 milioni di euro da trasferire alla contabilità speciale intestata al Commissario delegato. Saranno di 9 milioni di euro per l'anno 2018 e 11 milioni di euro per l'anno 2019. Le risorse sono coperte con l'uso del Fondo per le emergenze nazionali.

Prevista una garanzia statale fino a 360 milioni in 12 anni. Per fare in modo che il commissario nominato possa mettersi al lavoro da subito per la ricostruzione del ponte di Genova, in caso di mancati o ritardato versamento da parte del concessionario Autostrade, sarà anticipata la spesa di 30 milioni annui dal 2018 al 2029, pari a 360 milioni, presi dal Fondo per le infrastrutture.

Decreto emergenze, l'esclusione di Autostrade dalla ricostruzione

La ricostruzione del ponte di Genova affidata dal commissario straordinario ad «uno o più operatori», esclude totalmente Autostrade per l'Italia. Gli operatori dunque non dovranno avere «alcuna partecipazione diretta o indiretta in società concessionarie di strade a pedaggio, o siano da quest'ultime controllate o ad esse collegate, anche al fine di evitare un indebito vantaggio competitivo nel sistema delle concessioni autostradali. L'aggiudicatario costituisce, ai fini della realizzazione delle predette attività, una struttura giuridica con patrimonio e contabilità separati».

Decreto emergenze, le altre misure

Oltre le disposizioni urgenti su Genova, il decreto emergenze, reintroduce, in deroga al Jobs Act, la cassa integrazione straordinaria per cessazione di attività (Cigs) per gli anni 2019 e 2020. In arrivo, inoltre, la nuova Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie e delle infrastrutture stradali e autostradali.

Leggi Governo: ok a decreto emergenze, nel testo anche Genova

Il testo del decreto Genova
(29/09/2018 - Gabriella Lax) Foto: By Michele Ferraris [CC BY-SA 4.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)], from Wikimedia Commons

In evidenza oggi:
» Riforma processo civile: ecco la bozza
» Cassazione: illegittima la sentenza che liquida solo spese vive senza onorari
» Cassazione: bigenitorialit non vuol dire tempi uguali coi figli
» Legge 104: congedo straordinario anche al figlio non convivente
» RcAuto, pagare a rate non conviene
Newsletter f g+ t in Rss