Sei in: Home » Articoli
 » Previdenza

Quota 100: pensione anche per gli avvocati?

In attesa che il Governo vari la riforma previdenziale, per Cassa forense, così come per altre Casse private, "quota 100" è un obiettivo già raggiunto se non superato
lampadina con numero 100

di Valeria Zeppilli – Il programma del Governo attualmente in forza prevede, tra i diversi punti stabiliti nel contratto stipulato tra Lega e M5S, la realizzazione di un riforma che per ora è ancora solo su carta e che, per questo, sta tenendo col fiato sospeso milioni di italiani: quella avente ad oggetto la previdenza e le pensioni.

In particolare, le attese riguardano la cosiddetta "quota 100", ovverosia il sistema che prevede la maturazione del diritto ad andare in pensione quando la somma tra l'età del lavoratore e gli anni di contributi versati sarà pari a 100.

Cassa forense

Nel frattempo, molte casse professionali si sono portate avanti, prevedendo una propria "quota 100".

Cassa forense, ad esempio, a partire dal 2021 manderà in pensione, come regola generale, gli avvocati che hanno almeno 70 anni di età e 35 anni di contributi. Come riportato da ItaliaOggi qualche tempo fa, tuttavia, ai legali sarà data la possibilità di abbandonare il proprio studio per godersi il meritato riposo già a 65 anni. Ciò fermi restando i 35 anni di contributi e con un taglio del trattamento pensionistico di circa il 25%. Se si vuole andare in pensione prima e godere dell'intera pensione, gli anni di contribuzione dovranno ammontare almeno a 40.

Commercialisti e altri professionisti

Per i commercialisti associati alla Cnpadc, poi, la pensione anticipata è possibile con una somma ancora più bassa: bastano 61 anni di età e 38 anni di contributi, per un totale di 99.

Anche per i medici e gli odontoiatri iscritti all'Enpam la "quota 100" è un traguardo già superato, visto che la pensione anticipata può essere chiesta anche da chi è in possesso della "quota 97", con possibilità di andare in pensione prima se si hanno 62 anni di età e 35 anni di contributi (o anche se si hanno 42 anni di contributi, a prescindere dall'età anagrafica).

Chissà se le esperienze dei professionisti potranno quindi fungere da guida o spunto per realizzare la tanto attesa riforma...

Leggi anche:

- Pensioni quota 100

- Pensioni quota 100 selettiva

- Pensioni: quota cento per tutti

- Addio alla Fornero: ecco la nuova riforma delle pensioni

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(22/09/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Niente risarcimento a chi muore perché fuma troppo
» Scappellotto e umiliazioni all'alunno: è reato 
» Giudici onorari minorili: ecco il bando, domande fino al 9 novembre
» Avvocato monocommittente con status ad hoc
» Multe: l'estratto di ruolo è impugnabile autonomamente

Newsletter f g+ t in Rss