Sei in: Home » Articoli

Stipendi: in vigore le nuove regole

In vigore da ieri la normativa che stabilisce per tutti i datori di lavoro il pagamento delle spettanze attraverso mezzi di pagamento tracciabili. Fanno eccezione solo i rapporti di lavoro con badanti e PA
imprenditore paga stipendio lavoratore e mostra portafogli vuoto

di Gabriella Lax - Dimenticatevi gli stipendi in contanti. Dal primo luglio è scattata la nuova normativa che stabilisce per tutti i datori di lavoro il pagamento delle spettanze attraverso mezzi di pagamento tracciabili. Fanno eccezione solo i rapporti di lavoro con la Pubblica Amministrazione e quelli riguardanti servizi familiari e domestici, come ad esempio, colf e badanti.

Dal primo luglio addio agli stipendi in contanti

Secondo la legge di bilancio «I datori di lavoro o committenti non possono corrispondere la retribuzione per mezzo di denaro contante direttamente al lavoratore, qualunque sia la tipologia del rapporto di lavoro instaurato». La ratio del provvedimento è rendere tracciabili i pagamenti ed evitare le cosiddette "false buste paga": ossia stipendi inferiori, rispetto a quelli previsti dai contratti collettivi, erogati dalle imprese che, paventando licenziamenti, tengono sotto scacco il lavoratore.

Stipendi, tracciabilità necessaria e sanzioni

Sarà quindi necessario, per la massima tracciabilità, che le retribuzioni siano corrisposte con bonifico, con strumenti di pagamento elettronico o con pagamenti in contanti presso uno sportello bancario. Sarà inoltre possibile il pagamento tramite un assegno consegnato direttamente al lavoratore. Le sanzioni amministrative per chi viola la nuova normativa vanno dai 1.000 ai 5.000 euro.

Leggi Stipendio in contanti: dal 1° luglio multa fino a 5mila euro

(02/07/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Multe fino a 425 euro per chi getta rifiuti dal finestrino
» Basta impedire al padre di vedere il figlio per due giorni per commettere reato
» Guida legale sulla responsabilità disciplinare dei magistrati
» Assegno di mantenimento: detrae solo chi versa
» Processo civile: le decisioni "a sorpresa" del giudice

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss