Sei in: Home » Articoli
 » scuola

Avvocati: assicurazione professionale anche per i praticanti

Secondo il Consiglio Nazionale Forense, anche se non è obbligatorio è auspicabile che i praticanti avvocati stipulino una polizza per la responsabilità professionale
uomo che protegge altro uomo simbolo di assicurazione protezione

di Annamaria Villafrate - Il COA di Forlì chiede al CNF di sciogliere due dubbi. Il primo riguarda la polizza professionale dei patrocinatori abilitati, la seconda l'assicurazione infortuni per collaboratori, dipendenti e praticanti.

Il CNF trova entrambe le risposte nell'art. 12 della Legge 247/2012.

I dubbi del COA di Forlì

Sono due i quesiti che il COA di Forlì sottopone al Consiglio Nazionale Forense:

- I praticanti abilitati al patrocinio o al patrocinio sostitutivo sono obbligati a stipulare una polizza assicurativa per la responsabilità professionale?

- Chi è il soggetto su cui grava l'obbligo di stipulare la polizza infortuni per praticanti, collaboratori e dipendenti?

Polizza professionale praticanti obbligatoria?

Per quanto riguarda il quesito relativo all'obbligatorietà dell'assicurazione professionale dei praticanti abilitati al patrocinio o al patrocinio sostitutivo il CNF precisa che, la legge è chiara sul punto. L'art. 12 comma 1 della legge n. 247/2012 dispone infatti che: "L'avvocato, l'associazione o la società fra professionisti devono stipulare, autonomamente o anche per il tramite di convenzioni sottoscritte dal CNF, da ordini territoriali, associazioni ed enti previdenziali forensi, polizza assicurativa a copertura della responsabilità civile derivante dall'esercizio della professione, compresa quella per la custodia di documenti, somme di denaro, titoli e valori ricevuti in deposito dai clienti. L'avvocato rende noti al cliente gli estremi della propria polizza assicurativa."
La disposizione non fa riferimento alcuno ai praticanti abilitati al patrocinio. Questo non significa che non sarebbe auspicabile che il praticante abilitato in virtù della normativa precedente o di quella vigente, stipuli una polizza assicurativa per la responsabilità professionale. In effetti, il patrocinio di pratiche di valore inferiore rispetto a un avvocato abilitato, non lo esime dalla possibilità di commettere errori.

Assicurazione avvocati: chi ha l'obbligo di stipulare la polizza?

In riferimento al secondo quesito, il CNF ritiene che si debba fare riferimento al comma 2, sempre dell'art 12 della legge n. 247/2012, così come modificato dal decreto legge n. 148/2017, secondo il quale: "All'avvocato, all'associazione o alla società tra professionisti è fatto obbligo di stipulare, anche per il tramite delle associazioni e degli enti previdenziali forensi, apposita polizza a copertura degli infortuni derivanti ((...)) ai propri collaboratori, dipendenti e praticanti in conseguenza dell'attività svolta nell'esercizio della professione anche fuori dei locali dello studio legale, anche in qualità di sostituto o di collaboratore esterno occasionale. (…)."

(22/06/2018 - Annamaria Villafrate) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Multe fino a 425 euro per chi getta rifiuti dal finestrino
» Basta impedire al padre di vedere il figlio per due giorni per commettere reato
» La chiusura delle indagini preliminari
» WhatsApp, cambiamenti e novità in arrivo
» Processo civile: le decisioni "a sorpresa" del giudice

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss