Sei in: Home » Articoli

Responsabilità medica: il valore della CTU

La Corte di cassazione chiarisce il valore della consulenza e i limiti all'utilizzabilità dell'accertamento tecnico preventivo nei giudizi di responsabilità medico-chirurgica
medico con stetoscopio in mano

di Valeria Zeppilli – In tema di responsabilità medico-chirurgica, l'accertamento giudiziale dei fatti non può prescindere dalle conoscenze tecniche specialistiche, che sono necessarie sia per comprendere gli eventi per i quali è causa, sia per la loro stessa rilevabilità.

Tale circostanza conferisce alla CTU il ruolo di fonte oggettiva di prova posto che, come si legge nella sentenza numero 15745/2018 della Corte di cassazione qui sotto allegata, "il giudice può affidare al consulente non solo l'incarico di valutare i fatti accertati, ma anche quello di accertare i fatti medesimi".

Nuovi profili di inadeguatezza della prestazione

Nella stessa pronuncia la Cassazione si è anche interessata dell'utilizzabilità dell'accertamento tecnico preventivo che sconfini dai limiti delineati dal giudice o consentiti dai poteri conferiti dalla legge al consulente. La Corte, a tal proposito, ha in particolare chiarito che, in ipotesi di sconfinamento, l'accertamento è comunque utilizzabile e liberamente apprezzabile dal giudice se non vi è stata violazione del contraddittorio e le parti hanno effettivamente partecipato all'ATP anche nei punti esorbitanti l'incarico.

Utilizzabilità dell'ATP

I giudici hanno infine precisato che, nei giudizi di risarcimento del danno derivato da colpa medica, la circostanza che l'attore, nell'atto introduttivo, abbia allegato che l'errore sanitario sia consistito nell'imperita esecuzione di un intervento chirurgico e poi, nel concludere, alleghi che l'errore sia consistito nell'inadeguata assistenza post-operatoria, non costituisce un inammissibile mutamento della domanda ma una semplice emendatio libelli.

Corte di cassazione testo sentenza numero 15745/2018
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(20/06/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Milleproroghe: ok Senato, è legge
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Pensione invalidità solo ai residenti in Italia
» Processo civile telematico: le novità in vigore da oggi
» Il diritto di critica politica come esimente del reato di diffamazione

Newsletter f g+ t in Rss