Sei in: Home » Articoli

Avvocati: aiuti per i genitori single

Il bando n. 6/2018 di Cassa Forense riconosce 1.000 euro a figlio, purché di età inferiore a 26 anni, agli avvocati genitori single
donna stressata dal troppo lavoro chiede aiuto

di Annamaria Villafrate - Mille euro per ogni figlio di età inferiore a 26 anni. Questo l'oggetto del bando n. 6/2018 pubblicato da Cassa Forense per aiutare i genitori single. Non c'è tempo da perdere se si vuole beneficiare del contributo. Il bando scade alle 12.00 del 31 luglio 2018.


  1. Qual è l'oggetto del bando?
  2. A chi è destinato il bando?
  3. Qual è l'importo del contributo?
  4. Quali sono i requisiti richiesti per partecipare al bando?
  5. Come e quali sono i termini di presentazione della domanda?
  6. Come viene stabilita la graduatoria?

Qual è l'oggetto del bando?

Ai sensi dell'art. 6, lett. e) del Regolamento per l'erogazione dell'assistenza e come da delibera del C.d.A del 22/03/2018, Cassa Forense ha indetto per l'anno 2018 un bando che prevede l'assegnazione di contributi, fino all'importo di € 700.000,00, in favore degli iscritti con famiglia a genitore unico, che abbiano nello stato di famiglia almeno un figlio di età inferiore a 26 anni, a proprio totale ed esclusivo carico economico.

A chi è destinato il bando?

I destinatari del bando sono tutti gli alla Cassa o all'Albo con procedimento di iscrizione alla Cassa in corso, non sospesi né cancellati dall'Albo.

Qual è l'importo del contributo?

Il contributo consiste nell'erogazione unica di € 1.000,00 per ciascun figlio. Per chi ha già beneficiato della provvidenza prevista dal bando n. 6/2017, il contributo è dimezzato.

Quali sono i requisiti richiesti per partecipare al bando?

Per partecipare al bando ed essere ammessi in graduatoria è necessario:

  • essere una famiglia a genitore unico;
  • avere, alla data di pubblicazione del bando, nello stato di famiglia almeno un figlio di età inferiore a 26 anni, a proprio totale ed esclusivo carico economico;
  • essere in regola con le comunicazioni reddituali alla Cassa (Modelli 5);
  • inviare la domanda corredata della seguente documentazione: a) fotocopia del documento d'identità del richiedente; b) certificato stato di famiglia, o autocertificazione con i dati anagrafici di tutti i componenti; c) autocertificazione con cui si dichiara che il figlio/i figli sono a totale ed esclusivo carico economico del richiedente; d) attestazione ISEE rilasciata nel 2018.

Come e quali sono i termini di presentazione della domanda?

La domanda sottoscritta dal richiedente deve essere inviata entro le 12,00 del 31 luglio 2018 esclusivamente a mezzo PEC bandi@cert.cassaforense.it, utilizzando l'apposito modulo pubblicato sul sito www.cassaforense.it.

Come viene stabilita la graduatoria?

I contributi sono erogati, fino a esaurimento dell'importo previsto dal bando, secondo una graduatoria formata in ordine crescente in base ai valori ISEE. In caso di parità dei valori ISEE la precedenza è riconosciuta a chi ha più figli. Nel rispetto della privacy dei partecipanti la graduatoria è stilata indicando il codice meccanografico/numero di protocollo domanda e il valore ISEE.

Leggi anche Avvocati: ecco i nuovi bandi di assistenza della Cassa Forense

Bando n. 6-2018 Famiglie monogenitoriali
(09/06/2018 - Annamaria Villafrate) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Usura e restituzione degli interessi del mutuo
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura

Newsletter f g+ t in Rss