Sei in: Home » Articoli

Reato non mantenere il coniuge separato, il punto della Cassazione

L'omesso mantenimento dell'ex non integra un'ipotesi di violazione degli obblighi di assistenza familiare penalmente rilevante se manca la volontà di disconoscere i vincoli di assistenza
donna ammanetta uomo concetto divorzio

di Valeria Zeppilli – L'omesso versamento dell'assegno di mantenimento al coniuge separato talvolta può configurare reato, ma non sempre. Se in alcuni casi tale condotta è idonea a integrare la fattispecie delittuosa di cui all'articolo 570 del codice penale, in altri la stessa resta penalmente irrilevante.

A tale proposito, particolarmente significativa è la sentenza della Corte di cassazione numero 24947/2018 (qui sotto allegata), che ha chiarito quando l'ex coniuge inadempiente rischia una condanna penale e quando invece no.

Lo stato di bisogno

In particolare, il reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare deve ritenersi integrato quando il beneficiario dell'assegno di mantenimento si trovi in stato di bisogno e l'omesso versamento delle somme stabilite dal giudice sia riconducibile alla "volontà di disconoscere i vincoli di assistenza materiale e morale" ancora parzialmente in essere nonostante la separazione.

La vicenda

Nel caso di specie, all'imputato era stato contestato di essersi sottratto agli obblighi di assistenza inerenti alla qualità di coniuge e di aver quindi tenuto una condotta contraria all'ordine e alla morale della famiglia per il solo fatto di non aver provveduto a mantenere la moglie separata secondo le modalità stabilite dall'autorità giudiziaria.

Per la Cassazione, però, tale conclusione non basta per poter emettere condanna ai sensi dell'articolo 570 del codice penale, essendo a tal fine indispensabile verificare la sussistenza dello stato di bisogno della moglie (che peraltro aveva delle cospicue possidenze immobiliari) e di una volontà dell'uomo di disconoscere i vincoli di assistenza e la non riconducibilità dell'omissione alle precarie condizioni economiche dell'obbligato.

Corte di cassazione testo sentenza numero 24947/2018
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(08/06/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Mancato mantenimento figli: reato anche se non c'è stato di bisogno
» Salvini: presto censimento o anagrafe dei Rom
» Assegno di invalidità: l'accertamento dei requisiti per il riconoscimento
» Il Ctu deve essere pagato da tutti
» Arriva il decreto dignità


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss