Fisco: i nuovi indirizzi per inviare le istanze d'interpello

Definiti dall'Agenzia delle Entrate, a seguito della recente riorganizzazione delle strutture centrali, gli indirizzi telematici cui inviare le richieste per gli interpelli
casella postale con posta in arrivo

di Redazione - Cambiano gli indirizzi cui inviare le istanze per gli interpelli, ma solo per quelli centrali, a seguito della recente riorganizzazione delle strutture dell'Agenzia delle Entrate. A tal fine, con provvedimento del direttore delle Entrate, sono stati definiti gli indirizzi telematici cui inviare le richieste per gli interpelli 'centrali'. Restano invariati invece gli indirizzi regionali per tutte le istanze relative ai tributi erariali, indipendentemente dalla tipologia. Lo comunica in una nota odierna l'Agenzia delle Entrate.

Fisco: a chi presentare l'istanza di interpello

Le richieste di interpello vanno presentate alla Direzione Regionale competente in ragione del domicilio fiscale del soggetto istante in caso di quesiti riguardanti i tributi erariali oppure alla Direzione regionale nel cui ambito opera l'ufficio competente ad applicare la norma tributaria oggetto di interpello in caso di quesiti riguardanti l'imposta ipotecaria dovuta in relazione agli atti diversi da quelli di natura traslativa, le tasse ipotecarie e i tributi speciali catastali.

La richiesta può essere presentata tramite consegna a mano o spedizione a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento oppure via Pec agli indirizzi indicati sul sito internet dell'Agenzia delle Entrate.

Le Amministrazioni Centrali dello Stato, gli Enti pubblici a rilevanza nazionale, i soggetti di più rilevante dimensione, i soggetti non residenti, le persone fisiche che intendono trasferire la residenza fiscale in Italia beneficiando dell'imposta sostitutiva sui redditi prodotti all'estero (cosiddetti "neo residenti") e i contribuenti che presentano l'interpello sui nuovi investimenti devono, invece, spiega ancora l'Agenzia, presentare la richiesta di interpello alla Divisione Contribuenti dell'Agenzia delle Entrate.

In questo caso la presentazione può avvenire tramite consegna a mano o spedizione a mezzo plico raccomandato con avviso di ricevimento (all'indirizzo via Cristoforo Colombo 426 c/d 00145 Roma), tramite Pec (interpello@pec.agenziaentrate.it) oppure via mail all'indirizzo div.contr.interpello@agenziaentrate.it per i soggetti non residenti (comprese le persone fisiche che intendono trasferire la residenza fiscale in Italia e i soggetti che presentano le istanze di interpello sui nuovi investimenti, che non si avvalgono di un domiciliatario nel paese).

I soggetti in regime di cooperative compliance, infine, devono rivolgere i propri interpelli all'Ufficio Adempimento Collaborativo della Divisione Contribuenti - Direzione Centrale Grandi Contribuenti, tramite Pec, all'indirizzo dc.acc.cooperative@pec.agenziaentrate.it, via mail all'indirizzo dc.acc.ucc@agenziaentrate.it per i soggetti non residenti privi di Pec, o tramite consegna a mano o spedizione a mezzo plico raccomandato con avviso di ricevimento.

(12/04/2018 - Redazione) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Affido condiviso: sì a diritto di visita rigido per tutelare i figli
» Reato di invasione di edifici: in arrivo multe fino a 2mila euro
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso

Newsletter f g+ t in Rss