Sei in: Home » Articoli
 » Previdenza

Pensioni: quasi il 72% sotto i mille euro

La percentuale arriva all'85,6% per le donne, mentre un quarto degli assegni pensionistici non arriva a 500 euro. I dati dell'Osservatorio Inps
marito e moglie anziani che contano risparmi

di Redazione - Quasi il 72% delle pensioni private erogate dall'Inps Ŕ inferiore a mille euro, mentre un quarto non arriva a 500 euro. Solo per le donne la percentuale dell'assegno fino a mille euro tocca l'85,6%. ╚ quanto emerge dai dati diffusi dall'osservatorio sulle pensioni Inps (dati che non tengono conto delle pensioni pubbliche e dello spettacolo).

Pensioni private 17,9 milioni, costano 200 miliardi

Le pensioni vigenti erogate dall'Inps per il settore privato lo scorso primo gennaio erano 17,8 milioni, con un calo di circa 143mila unitÓ rispetto all'inizio dell'anno precedente. Di queste, quasi 14 milioni (13.979.136 per l'esattezza), sono di natura previdenziale, mentre le rimanenti (3.907.487) sono di natura assistenziale. La spesa complessiva annua ammonta a poco pi¨ di 200 miliardi (di cui 179,6 miliardi sostenuti dalle gestioni previdenziali); dato che, spiega l'Inps, si ottiene moltiplicando il valore dell'importo erogato mensilmente (a gennaio) per 13 mensilitÓ. Oltre la metÓ delle pensioni, spiega ancora l'istituto, Ŕ a carico delle gestioni dei dipendenti privati, e, soprattutto del Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti che gestisce il 48,2% delle pensioni erogate e il 61,1% degli importi in pagamento. Le gestioni autonome invece, erogano il 27,5% delle pensioni con importi in pagamento del 23,9%, mentre quelle assistenziali erogano il 21,8% delle prestazioni, con importo di poco superiore al 10,4%.

(29/03/2018 - Redazione) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» I figli hanno l'obbligo di mantenere i genitori?
» Omicidio stradale e guida in stato di ebbrezza: unico reato
» L'archiviazione del giudizio
» I figli hanno l'obbligo di mantenere i genitori?
» Auto carica di bagagli? Multe fino a 338 euro


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss