Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

La liquidazione delle spese dell'avvocato nei confronti del proprio cliente

Per la liquidazione delle spese, degli onorari e dei diritti nei confronti del proprio cliente l'avvocato può procedere ai sensi dell'art. 702 bis c.p.c.
avvocato che firma un atto
di Clara Valle - Per la liquidazione delle spese, degli onorari e dei diritti nei confronti del proprio cliente l'avvocato, dopo la decisione della causa o l'estinzione della procura, può introdurre la controversia de qua con un ricorso ai sensi dell'art. 702 bis c.p.c., che dà luogo ad un procedimento sommario "speciale" disciplinato dagli artt. 3, 4, e 14 d. lgs. 150/2011, ovvero ai sensi degli artt. 633 ss. c.p.c. (dovendosi poi proporre l'eventuale opposizione ai sensi dell'art. 702 bis c.p.cp. e ss.).
Ciò è quanto hanno stabilito le Sezioni Unite, con sentenza n. 4485/2018, risolvendo in tal modo la rilevante questione concernente i crediti per le spese giudiziali dell'avvocato.

Leggi in merito Cassazione: gli avvocati hanno solo due strade per recuperare il credito dal cliente

La vicenda

La vicenda trae origine da una controversia e, quindi, da una correlata domanda, con cui l'avvocato chiede la liquidazione delle spettanze della sua attività professionale svolta in un giudizio civile a favore di una cliente in un procedimento di separazione personale, in cui aveva anche richiesto ed ottenuto diversi decreti ingiuntivi per somme dovute dal coniuge a titolo di mantenimento dei figli e di spese straordinarie.

Punto centrale della questione è valutare ed accertare in che modo e misura l'intervento legislativo di cui al d.lgs. 150/2011 abbia influito in materia di liquidazione degli onorari, attraverso la sostituzione dell'art. 28 e l'abrogazione degli artt. 29 e 30 della L. 794/1942, riconducendo la relativa procedura alla figura del procedimento di cognizione sommario "speciale".

Il vecchio testo dell'art. 28, rubricato "Forma dell'istanza di liquidazione degli onorari e dei diritti" prevedeva che l'avvocato, al fine di vedersi liquidati gli onorari, le spese e i diritti per l'attività professionale svolta in sede giudiziale, avrebbe dovuto seguire la procedura di cui all'art. 633 c.p.c. e segg. A seguito della riforma apportata dal d.lgs. 150/2011 l'art. 14 recita al 1° comma che "Le controversie previste dall'articolo 28 della legge 13 giugno 1942, n. 794, e l'opposizione proposta a norma dell'articolo 645 del codice di procedura civile contro il decreto ingiuntivo riguardante onorari, diritti o spese spettanti ad avvocati per prestazioni giudiziali sono regolate dal rito sommario di cognizione, ove non diversamente disposto dal presente articolo".

Spese avvocato: i riti applicabili


I giudici hanno ritenuto che la domanda con cui il difensore chiede la condanna del cliente al pagamento delle spettanze giudiziali resta soggetta al rito di cui all'art. 14, anche quando il cliente non si limiti a contestare il quantum del credito, bensì sollevi contestazioni circa l'esistenza del rapporto, le prestazioni eseguite ed in genere riguardo l'an. Solo nell'ipotesi in cui il convenuto svolga una difesa che si articoli in una domanda riconvenzionale, di compensazione ovvero di accertamento, occorrerà, ai sensi dell'art. 702-ter 4° comma c.p.c., dar corso alla trattazione di tale domanda con il rito sommario (congiuntamente a quella proposta ex art. 14 d.lgs. n. 150 dal professionista) e, in caso contrario, seguendo il rito ordinario a cognizione piena, previa separazione delle domande.
(02/04/2018 - Dott.ssaClara Valle) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» L'avvocato non può accettare compensi esigui
» Lavori in casa senza permesso: in vigore l'elenco
» In arrivo più ferie e ponti per tutti
» Lavori in casa senza permesso: in vigore l'elenco
» RC Auto: al via gli sconti obbligatori


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Resta aggiornato. Segui StudioCataldi su Telegram      SCOPRI DI PIU'
chiudi