Sei in: Home » Articoli

Responsabilità medica: il Tribunale di Roma sulla portata dell'art. 2236 c.c.

La disposizione codicistica va necessariamente letta alla luce della recente riforma Gelli
medico sanità chirurgo salute

di Valeria Zeppilli – L'articolo 2236 del codice civile stabilisce che, se la prestazione implica la soluzione di problemi tecnici di speciale difficoltà, il prestatore d'opera risponde dei danni solo in caso di dolo o colpa grave.

Si tratta di una disposizione che, come giustamente rilevato dal Tribunale di Roma nella sentenza del 1° febbraio 2018 qui sotto allegata, con riferimento alla responsabilità medica deve oggi necessariamente essere interpretata alla luce di quanto stabilito dalla riforma Gelli di cui alla legge numero 24/2017.

Art. 2236 c.c. e legge Gelli

Proprio leggendo l'articolo 2236 sotto la luce della legge Gelli, deve quindi rilevarsi che non può ritenersi in colpa ("da intendersi grave e quindi giuridicamente significativa") il medico che, dinanzi a problemi tecnici di speciale difficoltà, si sia attenuto alle linee guida o, in loro mancanza, alle buone pratiche clinico-assistenziali, a prescindere da quali siano i risultati dell'intervento che abbia effettuato. Ciò in ragione degli articoli 5, 6 e 7 della legge 24, che hanno parametrato la sussistenza o l'intensità della colpa al rispetto o meno di linee guida e buone pratiche cliniche.

Problemi di speciale difficoltà

L'elenco dei problemi tecnici di particolare difficoltà è infinito e, per i giudici, ricomprende di certo anche il caso, come quello di specie, in cui la paziente sia stata già operata più volte e riveli condizioni ossee fragili e degradate.

Tribunale di Roma testo sentenza 1° febbraio 2018
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Condividi
Seguici

(10/03/2018 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Auto: multe da 712 euro per chi circola con targa estera
» Asili e case di riposo: in arrivo le telecamere
» Bruciare rami e sterpaglie è reato?
» Arriva il certificato di successione
» Inps: le somme pagate in più non vanno restituite

Newsletter f g+ t in Rss