Sei in: Home » Articoli

Registro notizie di reato: presto certificati telematici

Rilasciati importanti aggiornamenti sul rilascio del certificato ex art. 335 c.p.p. tramite modalità telematiche
uomo tiene chiave di sicurezza per protezione dati privacy
di Lucia Izzo - Prosegue la sperimentazione messa in atto dal Portale Servizi Telematici riguardante il rilascio del certificato ex art. 335 c.p.p., strumento utile al cittadino comune (denunciato o sottoposto a indagine preliminare) per venire a conoscenza dei procedimenti iscritti a suo carico nel registro delle notizie di reato.

Rilascio certificati ex art. 335 c.p.p.: la sperimentazione

Alcune mesi fa, infatti, il Portale Servizi Telematici ha reso noto come un gruppo di lavoro al progetto P@ss stesse testando il rilascio del certificato ex art. 335 c.p.p. in via telematica, a uso esclusivo dei Punti di Accesso. Un progetto che si inserisce nell'ambito di un più ampio sviluppo volto a consentire la richiesta e il rilascio di certificati tramite PST.


L'istanza ex art. 335 c.p.p. consente, ove ne facciano richiesta l'indagato, la persona offesa o i rispettivi difensori, di venire a conoscenza delle iscrizioni di procedimenti a proprio carico nei casi previsti.

La comunicazione è, infatti, esclusa per alcune ipotesi di reato più gravi (delitti ex art. 407, comma 2, lettera a) oppure ove il P.M., per specifiche esigenze attinenti all'attività d'indagine, abbia disposto il segreto sulle iscrizioni (per un periodo non superiore a tre mesi e non rinnovabile).

La nuova sperimentazione, invece, consentirebbe al difensore di ricevere una comunicazione al proprio indirizzo PEC censito sul Reginde con le indicazioni per scaricare, previa autenticazione forte, il certificato richiesto.

L'ambiente di test è strato predisposto affinchè PdA potessero effettuare dal 2 gennaio 2018 al 9 gennaio 2018 le prove necessarie a implementare le funzionalità per la richiesta di certificati.

Per l'esecuzione di test sarà necessario indicare soggetti censiti sul Reginde di test; successivamente, sempre sul PST, sarà comunicata la data di avvio in esercizio del servizio e gli uffici presso i quali il servizio sarà inizialmente attivo.

I servizi di P@ss sono invocabili, con le consuete modalità previste per l'accesso ai proxy PdA di test, alla seguente URL: https://pda.processotelematicotest.giustizia.it/PASSNAZM/PassRichiestePDA

Aggiornamenti rilascio certificati "telematici" ex art. 335 c.p.p.

Lo scorso primo marzo 2018 il PST ha pubblicato un aggiornamento sulla sperimentazione del rilascio certificati ex art. 335 c.p.p. tramite sistema P@ss.

A integrazione di quanto già comunicato in precedenza, si è rappresentato che per recuperare il valore del "codice ufficio" necessario all'invocazione del servizio P@ss sarà necessaria l'interrogazione al catalogo degli uffici giudiziari del PST con le modalità descritte nel documento per i servizi web (qui sotto allegato).

Il codice dell'ufficio di test, chiarisce il gruppo di lavoro progetto P@ss, è 00000000007 con descrizione PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI ROMA DGSIA P@SS.

Per dare la possibilità di testare anche questa modalità di accesso, la sperimentazione del servizio continuerà con tempi di risposta meno serrati e le modalità di richiesta informazioni rimarranno le stesse già definite in precedenza.







Documentazione Servizi Web
(05/03/2018 - Lucia Izzo) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Inps: medici pagati in più se tagliano prestazioni e invalidità
» Benzina: ecco le nuove sigle
» Multe e bollo auto: fino a mille euro debiti cancellati
» Giudici onorari minorili: ecco il bando, domande fino al 9 novembre
» Il permesso di soggiorno

Newsletter f g+ t in Rss