Sei in: Home » Articoli
 » Contratti

Contratto cedolare secca: i vantaggi per l'inquilino

Il regime facoltativo della cedolare secca previsto per le locazioni comporta delle sicurezze in più e dei risparmi economici per il conduttore
persone si stringono le mani dopo accordo su affitto

di Valeria Zeppilli – Nello stipulare il contratto di locazione, il locatore può decidere di avvalersi della cd. cedolare secca, ovverosia di un particolare regime facoltativo di tassazione, che comporta il pagamento di un'imposta sostitutiva dell'Irpef e delle addizionali per la parte derivante dal reddito dell'immobile.

In questa pagina:

  1. Contratto cedolare secca: aliquota e vantaggi
  2. Contratto cedolare secca: canone invariabile
  3. Contratto cedolare secca: meno imposte
  4. Contratto cedolare secca: più potere contrattuale

Contratto cedolare secca: aliquota e vantaggi

L'aliquota fissa prevista per la cedolare secca e sostitutiva delle altre tasse, più nel dettaglio, è pari al 21% per i contratti 4+4 a canone libero e al 10% per i contratti 3+2 a canone concordato.

L'opzione per la cedolare secca, che va necessariamente comunicata dal proprietario all'inquilino, comporta anche degli indubbi vantaggi per quest'ultimo.

Contratto cedolare secca: canone invariabile

Innanzitutto, chi prende in locazione un immobile con un contratto con cedolare secca ha la certezza che, fintanto che opererà tale forma di tassazione, l'importo del canone dovuto non subirà alcuna modifica.

Infatti, l'opzione per il regime della cedolare secca comporta l'espressa rinuncia, da parte del locatore, ad ogni aggiornamento del canone, compresi gli aumenti ISTAT, per tutta la durata della locazione e anche se l'aggiornamento era stato espressamente pattuito in contratto.

Contratto cedolare secca: meno imposte

Inoltre, la cedolare secca comporta un abbattimento dei costi complessivamente sostenuti dall'inquilino per il contratto di locazione.

Tale forma di tassazione, infatti, non solo è sostitutiva, come detto, dell'Irpef e delle relative addizionali, ma esonera anche dal pagamento dell'imposta di bollo e dell'imposta di registro, anche sulle risoluzioni e sulle proroghe del contratto di locazione. L'imposta di registro resta solo in caso di cessione del contratto stesso.

Di conseguenza, considerato che generalmente dell'imposta di registro e dell'imposta di bollo si fanno carico, al 50% ciascuno, sia il locatore che il conduttore, quest'ultimo con la cedolare secca risparmierà quanto dovuto normalmente a tale titolo.

Ricordiamo, a tale proposito, che l'imposta di registro è pari al 2% del canone annuo per ogni annualità del contratto e che l'imposta di bollo è pari a 16 euro ogni 4 facciate o ogni 100 righe di contratto.

Contratto cedolare secca: più potere contrattuale

Questo risparmio di spesa opera anche in favore del proprietario di casa e proprio in tale circostanza può essere ravvisato un ulteriore vantaggio per l'inquilino connesso all'opzione per la cedolare secca: la possibilità di convertire il risparmio economico del proprietario in una riduzione del canone di locazione, facendosi carico di suggerire al locatore la scelta per tale regime particolare di tassazione.

In altre parole, se il proprietario di casa non prende l'iniziativa di scegliere per la cedolare secca, l'inquilino potrà consigliargli l'opzione evidenziando i risparmi dalle tasse e chiedendo, proprio in ragione di tali risparmi, uno sconto sull'affitto.

Leggi anche le guide:

- La cedolare secca

- La cedolare secca nelle locazioni

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(07/02/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Mancato mantenimento figli: reato anche se non c'è stato di bisogno
» Salvini: presto censimento o anagrafe dei Rom
» Assegno di invalidità: l'accertamento dei requisiti per il riconoscimento
» Il Ctu deve essere pagato da tutti
» Arriva il decreto dignità


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss