Sei in: Home » Articoli

Pensioni 2018: aumentano le minime

Con l'indicizzazione aumenta il pagamento delle pensioni minime che arrivano a 507,42 euro. Le novità per la previdenza italiana per il 2018
anziana che conta soldi della pensione

di Redazione - Al via con la rata di pagamento di oggi, 3 gennaio, al piccolo aumento per le pensioni. Dopo due anni di blocco, infatti, gli assegni, per effetto dell'inflazione (provvisoriamente stimata all'1,1%), saranno rivalutati in positivo.

Pensioni: gli aumenti del 2018

L'effetto è quello di un aumento (modico) che porterà nelle tasche dei pensionati italiani somme comprese tra i 140 e i 300 euro annui, per le pensioni comprese tra i mille e i 4.500 lordi al mese. La rivalutazione fa salire anche le minime, che passano a 507,42 euro e le altre prestazioni previdenziali e assistenziali.

Leggi anche: Pensioni e invalidità: tutti gli aumenti del 2018

Le altre novità del 2018 per le pensioni

Ma non solo. Il 2018 porta anche altre novità per la previdenza italiana.

Tra queste la piena equiparazione dell'età pensionistica tra uomini e donne, fissata per tutti a 66 anni e 7 mesi (e che arriverà a 67 anni nel 2019, fatta eccezione per le 15 categorie di lavoratori "gravosi" esentati dall'automatismo) e lo sconto contributivo per le donne, di un anno per ogni figlio (fino a un limite massimo di due anni).

Previsto anche un fondo "Ape social", costituito per concorrere al finanziamento dell'eventuale estensione del beneficio ai nuovi accessi, ossia, con la finalità di coprire e rendere strutturale la misura a partire dal 2019.

(03/01/2018 - Redazione) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Processo civile: compensazione delle spese più estesa
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» Condominio: chi ha la pec paga le spese per la corrispondenza?
» Il diritto all'oblio nella recente pronuncia vittoriosa di Antonello Venditti c. Rai


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss