Sei in: Home » Articoli

Camere sciolte: si vota il 4 marzo

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il decreto di scioglimento del Senato e della Camera dei deputati
uomo inserisce scheda dopo aver votato

di Redazione - Mattarella ha sciolto le camere e si vota il 4 marzo 2018. Dopo l'incontro al Quirinale con il premier Paolo Gentiloni e i presidenti dei due rami del Parlamento, il capo dello Stato ha firmato il decreto che scioglie Senato e Camera dei Deputati.

Mattarella firma scioglimento, alle urne il 4 marzo

Preso atto dello scioglimento, il Consiglio dei Ministri, nella riunione convocata oggi pomeriggio, ha approvato il decreto di convocazione dei comizi elettorali per le elezioni del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati per il 4 marzo 2018 (nonchè la determinazione della data della prima riunione delle nuove Camere fissata per il 23 marzo 2018).

Tutti i decreti (compreso quello riguardante l'assegnazione alle circoscrizioni elettorali dei seggi per Camera e Senato) sono stati firmati dal capo dello Stato e controfirmati dal premier e dal ministro dell'Interno Marco Minniti.

Fine della XVII legislatura

È stata suggellata così la fine "ordinata" della diciassettesima legislatura (che comunque si sarebbe conclusa il 14 marzo 2018).

Ora, il Governo Gentiloni resterà in carica per l'ordinaria amministrazione e gli affari correnti, sino alle dimissioni nel momento in cui si formeranno le nuove Camere, dopo il voto del 4 marzo.

Leggi anche: Elezioni: parte il conto alla rovescia: tutte le tappe verso le urne

(28/12/2017 - Redazione) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Parcheggiare male è reato?
» Cassazione: per il colpo di frusta serve sempre la radiografia
» Quando gli eredi non devono pagare i debiti?
» Calcola il codice fiscale online
» Cassazione: il genitore disoccupato non è esonerato dall'obbligo di mantenere i figli


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss